Vogliono vincere «: la Russia afferma che lo scontro nucleare diventa più probabile quando gli Stati Uniti competono per il dominio globale

0

Washington sta aumentando il rischio di uno scontro nucleare tra le maggiori potenze mondiali nel tentativo di riconquistare il dominio globale, e mettendo da parte gli ultimi patti di controllo degli armamenti rimasti, ha avvertito il capo diplomatico russo, Lavrov.

“Concordo sul fatto che i rischi nucleari sono aumentati in modo sostanziale nel recente passato”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergey Lavrov al pubblico al forum di alto profilo delle letture di Primakov venerdì.

Le ragioni sono “ovvie”, ha detto il ministro. “Gli Stati Uniti vogliono riconquistare il dominio globale e ottenere la vittoria in quella che chiamano una grande competizione per il potere”.

Lavrov ha detto che Washington rifiuta il concetto di “stabilità strategica” e la chiama “rivalità strategica”. “Loro vogliono vincere”, ha aggiunto.

Siamo particolarmente preoccupati per il rifiuto biennale degli Stati Uniti di riaffermare un principio fondamentale: la premessa che non ci possono essere vincitori in una guerra nucleare, e quindi questa non debba mai essere scatenata.

Continuando, l’FM russo ha suggerito che Washington vuole smantellare l’intero meccanismo di controllo degli armamenti. L’amministrazione Trump si è ritirata lo scorso anno dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio del 1987, quello che proibiva ad entrambe le parti di stazionare missili terrestri a corto e medio raggio in Europa.

Quel ritiro ha anche messo a repentaglio il trattato New START, firmato con la Russia nel 2010. L’accordo storico aveva stabilito che gli Stati Uniti e la Russia dovevano ridurre le loro testate nucleari a 1.550 ciascuna e i loro lanciatori a 800. Si prevede che questo scadrà il prossimo anno, ma Lavrov Venerdì ha detto che non era ottimista sul fatto che si sarebbe confermato.

Secondo il cancelliere, la decisione degli Stati Uniti di non rinnovare il nuovo START è già stata presa e il destino del patto “è segnato”.

Washington insiste affinché il rinnovo dei colloqui avvenga trilateralmente, con la Cina che si unisca alle discussioni. Pechino ha affermato che sarebbe “felice” di partecipare ai negoziati, ma solo se gli Stati Uniti fossero disposti a ridurre il proprio arsenale nucleare a livello della Cina, che è circa 20 volte più piccolo.

Fonte: RT.com

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.