Prendiamoci un momento per apprezzare quello che è stato un fallimento patetico della politica di Trump con il Venezuela

0

I neocons di Washington pensavano davvero che sarebbe stato così facile il “regime-change” in Venezuela ?
di Daniel Larison
Nota del redattore: Abrams e Bolton sono ideologi estranei. Non penso che gli importi se una certa politica americana abbia o meno successo. Si preoccupano solo di spostare la finestra di Overtone e di indurre gli Stati Uniti a esercitare una politica estera che sia il più bellicosa possibile.

Trump e Pompeo sono comunque dei politici. Sono responsabili dei sondaggi e devono assumersi la responsabilità quando coinvolgono gli Stati Uniti in qualcosa solo per dimostrare che hanno ampiamente sottovalutato i limiti del potere degli Stati Uniti. Loro pensavano davvero che Washington e i loro clienti, avendo semplicemente riconosciuto Guaido, che il governo di Maduro si sarebbe appena disintegrato.
L’esercito venezuelano non si è spostato dal suo sostegno a Maduro:

Sottopagati, denutriti e umiliati dall’autocrazia che il loro paese, un tempo ricco e democratico, aveva assunto come status, le forze armate bolivariane erano il fulcro su cui poggiava la strategia dell’amministrazione statunitense. Alcuni funzionari statunitensi hanno predetto che i militari del Venezuela si sarebbero lanciati in massa verso Guaidò in pochi giorni.

Quasi tre mesi dopo, la parte preponderante dell’esercito del Venezuela rimane in gran parte intatto sotto il presidente Nicolás Maduro. Il ritmo un tempo sostenuto delle defezioni nei confronti della vicina Colombia è rallentato fino a diventare un rivolo. Meno di 1.500 soldati venezuelani, sollevati dal governo colombiano delle loro armi e uniformi e alloggiati in camere d’albergo scarsamente arredate vicino al confine, ora siedono in attesa che qualcosa accada.

I cambiavalute sostengono sempre che sarà più facile, più veloce e più economico rovesciare un governo straniero e affrontare le conseguenze di quanto non sia in realtà. A quasi tre mesi da quando gli Stati Uniti e gli altri governi hanno dato il loro sostegno a Guaido, le loro assurdamente ottimistiche ipotesi si sono rivelate completamente sbagliate.

Ad un certo punto, l’amministrazione e l’opposizione dovranno riconoscere che il loro tentativo di cambiamento di regime ha fallito, ma continuano ad aggrapparsi alla loro fantasia che vorrebbe autorizzare Maduro alla sottomissione. Prima che l’amministrazione accetti che la sua politica non funzioni, tanto prima può revocare le sanzioni e ritirarsi dalle sue richieste fuorvianti.

Fuerza armada bolivariana

Il rifiuto dei militari di cambiare posizione avrebbe dovuto essere considerato un dato di fatto. Il fatto che l’amministrazione e l’opposizione presumessero che avrebbero rapidamente abbandonato Maduro dimostra quanto poco avevano ponderato di aver considerato le conseguenze di quello che stavano facendo. I massimi vertici militari non hanno alcun incentivo ad abbandonare un sistema che li avvantaggia personalmente, e gli ufficiali sottostanti hanno un ampio motivo per non rischiare gravemente schierandosi con l’opposizione. Aggiungete a ciò la presenza di ufficiali dei servizi segreti cubani che sono lì per conoscere e schiacciare ogni possibile rivolta e avete una ricetta per la situazione di stallo.

L’articolo continua dicendo questo:

Mentre sono riluttanti a criticare, alcuni funzionari statunitensi esprimono esasperazione nei confronti dell’opposizione guidata da Guaidó, che vedono come imbelle nel non riuscire a ottenere il sostegno delle forze armate venezuelane anche quando richiedono l’intervento degli Stati Uniti.

“L’opposizione non ha guadagnato la sua fiducia”, ha detto l’ex alto funzionario degli Stati Uniti, e “ha fatto un lavoro pessimo per alleviare le loro paure”.

È giusto criticare l’opposizione per un pio desiderio, ma è l’incapacità dell’amministrazione di offrire le assicurazioni per l’opposizione al suo valore nominale soprastimato, che si rivela per quello che è.

Quando Guaido ha comunicato a Pence che metà delle forze armate avrebbero rapidamente cambiato posizione, la risposta appropriata è stata quella di presumere che stava dicendo al governo USA qualunque cosa volessero sentirsi dire invece di dire loro la verità.

Sfortunatamente, l’amministrazione è piena di ideologi neocon e personaggi afflitti da demenza che vogliono credere a qualsiasi cosa che fornisca loro la possibilità di abbattere un governo che non gli piace. Lamministrazione Trump pensava di avere una rapida e facile vittoria della politica estera schierata per i loro interessi, e mesi dopo stavano scoprendo che non avevano la minima idea del guazzabuglio in cui si stavano ficcando.

Nota: Anche nel caso del Venezuela, come in quello della Siria e dell’Ucraina si rende evidente che la politica estera degli USA è diretta da un club di personaggi ideologizzati da una visione fanatica e messianica, che non hanno un vero contatto con la realtà e fanno precipitare nazioni intere nel caos e nella destabilizzazione. Il peggio di questa situazione è che i loro alleati, non battono ciglio e si associano servilmente alle politiche distruttive di Washington, senza considerare le conseguenze.

Fonte: The American Conservative

Traduzione. sintesi e nota: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.