L’UE SI MUOVE STABILMENTE VERSO LA CREAZIONE DEL “MINISTERO DELLA VERITÀ” DEL GRANDE FRATELLO 1984

0

Il Parlamento europeo ha approvato una raccomandazione che definisce la Russia “la principale fonte di disinformazione in Europa” e chiede un aumento dei finanziamenti per la task force East StratCom dell’UE, che ha già ottenuto 1,1 milioni di euro nel 2018.

CHIARIMENTO: la task force East StratCom è un organismo dell’UE incentrato sulla cosiddetta comunicazione proattiva delle politiche e delle attività dell’UE nel vicinato orientale (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova e Ucraina) e oltre (in Russia e oltre).

Il documento approvato afferma che la task force East StratCom e le sue due suddivisioni task force che si occupano del vicinato meridionale e dei Balcani occidentali dovrebbero ottenere ” risorse finanziarie e umane adeguate, ancora necessarie, mirate al significativo aumento del loro potenziale, dell’efficacia professionalità, continuità istituzionale e qualità del lavoro, oltre a salvaguardare contro l’ingerenza politica da parte di funzionari e paesi che sostengono la disinformazione russa. ”

Inoltre, ha invitato gli stati membri dell’UE “a garantire che le leggi elettorali tengano conto delle possibili minacce derivanti dalle campagne di disinformazione” e li ha esortati a “adattare le loro regole elettorali alla campagna online e a monitorare e valutare le caratteristiche di trasparenza in relazione alla pubblicità politica introdotta dalle piattaforme online. “

I suggerimenti includono anche il sostegno a ” media russi indipendenti e diversificati nei paesi del partenariato orientale e oltre ” e “a concentrarsi sui paesi candidati all’adesione all’UE e ai partner nel vicinato dell’UE, assistendoli nei loro sforzi per contrastare la propaganda ostile e attività di disinformazione. “

La giustificazione formale delle mosse suggerite nel documento si basa sulla narrativa mainstream media secondo cui ogni giorno la Russia porta avanti campagne di disinformazione e attacchi informatici, miranti ad accrescere le tensioni all’interno dell’UE e dei suoi stati membri.

La proposta approvata dal Parlamento europeo è un’altra indicazione del fatto che la burocrazia dell’Unione europea sta costantemente spingendo il blocco verso il controllo dei media e il totalitarismo politico. Il principio della libertà di parola sta diventando obsoleto. Le posizioni e le relazioni più critiche alle politiche atlantiste e filo USA sono etichettate come propaganda e disinformazione della Russia, mentre le iniziative di base non fedeli all’establishment europeo o ai media mainstream sono descritte come diffuse da agenti russi.

Un fattore importante alla base della decisione di adeguare le “leggi e le regole elettorali” e sfruttare la minaccia russa sono le imminenti elezioni al Parlamento europeo, nonché i responsabili della burocrazia e dei circoli finanziari europei che li precedono.

Manipolazione di massa

Va notato che la maggior parte dei documenti e delle dichiarazioni della UE, degli Stati Uniti e della NATO non si preoccupano di fornire esempi di disinformazione. Probabilmente, la ragione è che la maggior parte di questi “esempi” sono rapporti che rivelano dati nascosti dai media mainstream occidentali o che forniscono argomenti ai russi o cinesi o iraniani su alcuni argomenti.

Gli argomenti descritti dalla propaganda mainstream come “notizie false” stanno variando dalla copertura indipendente degli assalti sessuali del 2015-16 a Colonia o ai fatti forniti dal governo di Assad e dalla Russia in merito all’attacco chimico “Douma” nel 2018. Il funzionario occidentale la propaganda e gli organi di informazione tradizionali nascondono fatti che non contribuiscono al punto di vista “ufficiale” e spingono la narrativa dell’establishment.

La recente isteria sulla cosiddetta minaccia russa spingerà ulteriormente l’alitabilità ad attuare la censura. L’organismo dell’UE creato per combattere la “propaganda” può e verosimilmente sarà trasformato nel Ministero della verità del 1984. L’establishment non si preoccupa della libertà, della democrazia, dei diritti umani e di altri “valori universali” se vanno contro i suoi obiettivi (vedi il caso delle stragi di civili nello Yemen o in Siria e Palestina).

Un fatto interessante che le tendenze simili potrebbero essere osservate anche in Russia. Le autorità stanno limitando la libertà di parola e i diritti civili dei cittadini e alimentando la propaganda di stato interna con il pretesto di contrastare la “minaccia occidentale”. L’unica differenza fondamentale è che la portata di questi sforzi russi è stata finora molto più bassa di quella osservata nell’UE. Mosca ha solo molte meno risorse per questo.

Una delle ragioni alla base di questa situazione è la struttura malata della società moderna intenzionalmente o non intenzionalmente creata dagli Stati Uniti, dagli Stati europei e dalla Russia. Tutti sfruttano il concetto di minaccia straniera per giustificare le azioni dei loro governi, che nella maggior parte dei casi sono principalmente progettati per difendere gli interessi delle élite al potere. Le società sono gruppi di élite divisi e ristretti e le loro cerchie più vicine stanno sfruttando la maggior parte delle risorse.

I socialisti del 19 ° e 20° secolo usava il termine ‘lotta di classe’ per descrivere la divisione della società. Mentre questo termine non è più ampiamente usato, le società moderne (europee, americane, russe ecc.) Sono divise anche profondamente. Questa divisione tra “capitalisti” e “classe operaia” è stata tradotta in un altro campo. Ora, questa divisione si trova tra due “nuove classi”:

I rappresentanti “ordinari” della società (piccole, medie e grandi imprese) orientati alla creazione reale di valore aggiunto, al settore reale e agli impiegati (colletti blu) e una parte del clero giornalistico e politico, che mira alla creazione di una nuova scienza, ingegneria, informatica, arte o cultura);

II. l’alto capitale finanziario e speculativo, la “nuova burocrazia” e gli intellettuali autoproclamati, vari artisti kitsch e ipedenti che difendono gli interessi dei precedenti due gruppi, nonché vari gruppi di persone che vivono di benessere nonostante abbiano l’opportunità di trovare un lavoro.

Pertanto, il passaggio in corso a un nuovo paradigma tecnologico ha portato alla creazione di nuovi “sfruttatori” e “sfruttati” distribuiti lungo l’intera gerarchia sociale. Questa situazione è un ulteriore fattore che contribuisce all’ulteriore aumento della propaganda di stato in tutto il mondo È probabile che questa tendenza continui ad avere slancio fino a raggiungere il risultato atteso, predeterminato dalla logica del processo sociale sulla base degli interessi delle elite dominanti.

Fonte: South Front

Traduzione: Sergei Leonov

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.