“Le truppe di zio Vasja”: come i paracadutisti russi hanno celebrato il 90° anniversario delle aviotruppe

0

di Eliseo Bertolasi
Oggi 2 agosto, in Russia, è stata celebrata la festa delle forze aviotrasportate (VDV – Vozdúshno-Desántnye Vojská).

Ufficialmente, il giorno della nascita delle forze aviotrasportate è considerato il 2 agosto 1930. In quel giorno, durante le esercitazioni dell’Aeronautica militare del distretto militare di Mosca, vicino a Voronezh, nello svolgimento di un compito tattico, per la prima volta un’unità di 12 persone è atterrata usando dei paracadute.

L’esordio per la creazione in massa di truppe aviotrasportate fu stabilito con decreto del Consiglio militare rivoluzionario dell’URSS dell’11 dicembre 1932. Venne presa la decisione di schierare tale brigata nella base del distaccamento aereo del distretto militare di Leningrado.

Paracadutisti serbi si lanciano assieme ai russi con bandiere nazionali

Le unità e formazioni aerotrasportate presero parte alle più grandi operazioni della Grande Guerra Patriottica.
Nel 1964, le VDV furono trasferite alle Forze terrestri, alla dipendenza diretta del Ministro della Difesa dell’URSS.

Secondo le proprie specializzazioni, le VDV sono suddivise in unità aviotrasportate d’assalto e di montagna, preparate quindi anche per azioni in aree montuose.
Le forze aviotrasportate sono composte da quattro divisioni, come pure da brigate e reggimenti separati.

Unità delle VDV sono intervenute in azioni di combattimento come parte del contingente limitato delle truppe sovietiche in Afghanistan (1979-1989), hanno inoltre svolto compiti speciali per risolvere i conflitti interetnici nell’URSS e nelle repubbliche dell’ex Unione.

Paracadutiste Russe in festa

La storia delle VDV è indissolubilmente legata al nome del generale dell’esercito Vasilij Margelov, il celebre “comandante” delle forze aviotrasportate, il “paracadutista n. 1”. Margelov ha personificato un’intera epoca per lo sviluppo e la formazione delle VDV. Al suo nome è legata la sua autorità e la sua popolarità non solo in Russia, ma anche all’estero.
In memoria del loro comandante, i paracadutisti russi amano definirsi le “Truppe di zio Vasja”.

Oggi, giorno del 90° anniversario delle Forze aviotrasportate, in tutta la Russia, si sono tenuti eventi commemorativi con lanci ed esibizioni dimostrative di paracadutisti e con gli immancabili festeggiamenti dei veterani delle VDV.

Paracadutisti russi

Nelle sue congratulazioni al personale e ai veterani delle VDV, il presidente russo Vladimir Putin ha osservato:
“È importante che l’attuale generazione di soldati e ufficiali continui degnamente le tradizioni militari e patriottiche che si sono sviluppate nelle truppe, che devotamente rispetti le leggi della fratellanza militare; nelle situazioni più difficili e impreviste mostri una formazione impeccabile e lealtà verso il Giuramento e la Patria”.
Il presidente russo ha inoltre sottolineato come i rappresentanti della “fanteria alata” abbiano mostrato il più alto livello d’addestramento, carattere irremovibile e aiuto reciproco sia durante lo svolgimento di operazioni militari speciali, sia nelle missioni di mantenimento della pace. Putin si è anche congratulato con i veterani della Grande Guerra Patriottica che prestarono servizio nelle Forze aviotrasportate di quel tempo.
https://www.rbc.ru/rbcfreenews/5f26653f9a79472171eec021

Il Ministero della Difesa russo sul suo portale internet ha aperto una nuova sezione multimediale dedicata a questa ricorrenza (http://vdv90.mil.ru/ ) .
I visitatori della sezione dedicata al 90 ° anniversario della formazione delle Forze aviotrasportate potranno familiarizzare con i documenti storici delle VDV, forniti dall’Archivio centrale del Ministero della Difesa della Federazione Russa, dove non solo è descritta la partecipazione dei paracadutisti alle battaglie contro gli invasori nazisti nella fase iniziale della Grande Guerra Patriottica, ma potranno anche apprendere la storia, lo sviluppo e il presente di queste truppe d’élite.

Fon ria.ru/ https://ria.ru/20200730/1575137295.html
https://www.rbc.ru/

Traduzione: Eliseo Bertolasi

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.