L’Arabia Saudita ha finanziato il Generale Haftar in Libia

0

“Il Mufti Sheikh Sadeq al-Gharyani ha rivelato venerdì che l’Arabia Saudita aveva inviato seguaci della studiosa salafita saudita Rabee al-Mudkhali per sostenere Khalifa Haftar.

Al-Gharyani, che stava parlando al canale televisivo libico Al-Tanasuh , ha detto che questa gente aveva precedentemente sostenuto Al-Gheddafi e attualmente sta sostenendo Haftar, accusando sia Al-Gheddafi che Haftar di “avere il sangue sulle loro mani”.

Inoltre, il mufti ha accusato le Nazioni Unite di rivendicare la pace in Libia, ma hanno invece “installato Haftar, che mina la pace nel paese”.

Riguardo alla questione dei migranti, ha detto; “Se l’ONU vuole fermare l’afflusso di migranti in Libia, allora proteggerà i confini della Libia”.

Al-Mudkhali, dovrebbe essere notato, è uno sceicco saudita salafita che crede che l’Islam non consenta l’opposizione ai governanti o che dia loro consigli pubblici.

I suoi seguaci hanno una presenza enorme in Libia e le loro milizie hanno combattuto in diverse battaglie a sostegno di Haftar “.
e da al Jazeera:
“Giorni prima che il generale rinnegato della Libia Khalifa Haftar lanciasse un’offensiva sulla capitale del paese, Tripoli, l’ Arabia Saudita ha offrerto decine di milioni di dollari per contribuire a pagare l’operazione, come ha riportato il Wall Street Journal .

L’offerta è arrivata durante una visita di Haftar alla capitale saudita, Riyadh, in vista della sua campagna militare del 4 aprile, ha detto il Journal venerdì.

Citando alti consiglieri del governo saudita, il giornale ha detto che l’offerta di fondi – accettata da Haftar – era destinata ad acquistare la lealtà dei leader tribali, reclutare e pagare combattenti e altri scopi militari.

L’ultimo conflitto nel paese nordafricano contrappone l’Esercito nazionale libico di Haftar (LNA) alle forze alleate al Governo di Accordo Nazionale (GNA) sostenuto dalle Nazioni Unite.

Il GNA controlla Tripoli, situata nella Libia nordoccidentale , mentre l’LNA è alleata di un’amministrazione parallela situata nell’est del paese ricco di petrolio, che si è frammentato in un mosaico di basi di potere in competizione dopo il rovesciamento dell’ex leader Muammar Gheddafi nel 2011.

Crisi della Libia: il combattimento riguarda i residenti di Tripoli (2:18)
Secondo le ultime cifre delle Nazioni Unite, almeno 75 persone sono state uccise nei combattimenti tra le parti in guerra mentre altre 320 sono rimaste ferite. Anche 9.500 persone sono state costrette a lasciare le loro case.

Aerei da guerra su Tripoli
Khalil Jahshan, direttore esecutivo del Centro arabo di Washington DC, ha detto che i sostenitori e affiliati di Haftar erano ben noti prima della pubblicazione dell’articolo del Journal.

Esercito di Haftar

Diversi paesi del Medio Oriente, tra cui l’ Egitto e gli Emirati Arabi, hanno appoggiato Hafter come baluardo contro i gruppi islamisti, in particolare i Fratelli Musulmani, che hanno assunto un ruolo di primo piano in Libia dopo la rivolta del 2011 e hanno continuato a partecipare alla politica libica sotto il governo di Tripoli.

“C’è stato un aumento nel supporto, chiaramente, ma non un cambiamento nel ruolo politico. Penso che l’Arabia Saudita volesse aumentare la sua partecipazione al conflitto in Libia e che probabilmente ha contribuito nella visita del generale Haftar nel regno e al suo incontro con il re Salman e il principe ereditario “, ha detto Jahshan.

“Subito dopo il suo ritorno [di Haftar], ha in qualche modo intensificato il suo ruolo, il suo confronto con i suoi concorrenti in Libia, così chiaramente ha ottenuto il sostegno politico per primo e sono sicuro che ha ottenuto il sostegno finanziario e militare dopo anche se questo non è necessariamente l’unico partito nel Golfo o in Medio Oriente che ha supportato Haftar negli ultimi anni “.

Durante la sua visita in Arabia Saudita, prima dell’offensiva su Tripoli, il giornale ha detto che Haftar ha incontrato il re Salman, il principe ereditario Mohammed bin Salman ( MBS ), nonché il capo dell’intelligence del regno e il ministro degli esteri.
Il governo saudita e i portavoce di Haftar non hanno risposto alle richieste di commento.

“Gli aerei di Haftar hanno intensificato gli attacchi aerei nell’ovest del paese e membri dello staff nell’aeroporto di Mitiga – l’unico aeroporto operativo di Tripoli – dicono che c’è uno stato di panico tra membri dello staff e passeggeri”, ha detto, aggiungendo che – Le armi da guerra all’aeroporto stavano cercando di colpire gli aerei da guerra.

Oltre 1.000 persone si sono riunite nel centro di Tripoli per chiedere a Haftar di fermare l’avanzata sulla città costiera che conta circa 1,2 milioni di persone. Il disastro della Libia dura ancora dopo circa otto anni dall’intervento distruttivo della NATO.

Fonti: Middle East Monitor Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.