La trasparenza è una cosa utile

0

di Andrea Zhok

La trasparenza è una cosa utile.
Ad esempio, ci permette di vedere chi sono i finanziatori del progetto politico di +Europa.

Ci troviamo Sindona jr, figlio di Michele (il banchiere della P2), Lupo Rattazzi (nipote di Gianni Agnelli), l’ex direttrice generale della DG Salute e Consumatori (Sanco) Paola Testori Coggi, la compagna dell’imprenditore farmaceutico Dompé (ex fotomodella svedese), per arrivare poi ai carichi pesanti come George Soros, Guido Maria Brera (amministratore del gruppo di private banking Kairos), il milionario e filantropo americano Peter Baldwin, fondatore dell’Arcadia Fund, ecc. ecc.
Naturalmente non ci sono ragioni per non credere che siano tutte persone di specchiate virtù.
Non è questo il punto.
L’unica cosa che merita una piccolissima riflessione è la seguente.
In un contesto dove il finanziamento alle forze politiche è stato integralmente privatizzato, i rappresentanti del grande capitale riversano coerentemente i loro fondi a sostegno dei progetti che meglio tutelano i loro interessi.

E sempre con perfetta coerenza, il progetto dei liberali, liberisti, libertari che vuole +Europa è tra i principali beneficiari.
Ecco, è tutto perfettamente coerente, tutto salvo un piccolo dettaglio.

La Bonino premiata da George Soros

Com’è possibile che forze che si sbracciano per farsi credere a fianco dei lavoratori (Centro-sinistra, CGIL, e qualche cespuglietto) siano schierate a fianco della Bonino a chiedere +Europa?
Ecco, se ricordiamo che è stato il Centro-sinistra (in ottima compagnia, peraltro) a decidere la definitiva privatizzazione del finanziamento delle attività e delle forze politiche, mi chiedo cosa ci voglia ancora per unire i puntini…
Fonte: Andrea Zhok

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.