La complicità della NATO con la Turchia sta spingendo la Francia fuori dall’Alleanza Atlantica

0

di Paul Antonopoulos
Il presidente francese Emmanuel Macron ha suscitato scalpore lo scorso novembre, quando aveva affermato che la NATO stava vivendo una “morte cerebrale”.
Questo singolo commento ha creato una raffica di reazioni mentre gli Stati membri tentavano di giustificare l’esistenza della NATO. I commenti di Macron devono essere presi sul serio quando consideriamo che la Francia nel 1959 ritirò la sua flotta mediterranea dal comando NATO e nel 1966 l’esercito francese lasciò il comando militare integrato della NATO e chiese a tutti i soldati stranieri della NATO di lasciare la Francia.
Il segretario di Stato americano Dean Rusk tentò allora di colpire il francese altamente indipendente, presidente Charles de Gaulle, per la sua decisione di cacciare i soldati stranieri chiedendo se “anche i corpi dei soldati americani nei cimiteri di Francia” che sono morti nelle due guerre mondiali dovevano andarsene.

Fu il generale De Gaulle a resistere all’egemonia anglo-americana , e si può sostenere che Macron sta tentando di ristabilire l’indipendenza della Francia dopo che l’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, aveva reintegrato la Francia nella NATO nel 2009. Un chiaro indicatore che Macron sta seguendo i passi di de Gaulle è quando il presidente francese ha promosso la famosa frase dell’ex generale, ovvero che l’Europa si estende “da Lisbona agli Urali” in Russia, dicendo che il territorio dell’Europa si estende fino a Vladivostok vicino ai confini cinese e nordcoreano.

Macron deluso dalla NATO

Tuttavia, gli attacchi pungenti di Macron contro la NATO non si sono conclusi con quel singolo commento del novembre 2019. La scorsa settimana Macron ha dichiarato che l’incidente navale franco-turco è stato “una delle dimostrazioni più evidenti che ci sia una morte cerebrale” della NATO. Una nave da guerra turca ha molestato una nave della marina francese che partecipava a una missione della NATO, spingendo il ministero della difesa francese a dire che:

“Questo è un atto estremamente aggressivo che è inaccettabile da un alleato contro una nave NATO. Consideriamo questa questione estremamente grave. Non possiamo accettare che un alleato si comporti in questo modo, che lo faccia contro una nave della NATO, sotto il comando della NATO, che compie una missione NATO. “

La NATO è certamente “cerebralmente morta” in quanto esiste principalmente per tenere sotto pressione la Russia, nonostante il crollo dell’Unione Sovietica quasi tre decenni fa. Per giustificare la sua esistenza, la NATO ha intrapreso campagne di aggressione distruggendo la Jugoslavia e la Libia e sostenendo forze reazionarie come gruppi jihadisti in Siria. Ora è fortemente suggerito che la Francia voglia intraprendere un percorso indipendente, soprattutto perché all’interno dell’Alleanza si riscontra una mancanza di cameratismo.

La Turchia, sfruttando il suo ampio posizionamento militare e geostrategico sul crocevia di Europa e Asia, e controllando lo Stretto nel Mar Nero, sta cercando di bilanciare le sue relazioni con la NATO e la Russia per perseguire la propria ambizione di dominare l’intera regione, compreso l’Oriente Mediterraneo, dal nord della Siria alla Libia e all’Iraq.
Mosca vuole rafforzare le relazioni con la Turchia sapendo che questa si opporrà alla NATO, mentre la NATO continua a tollerare le azioni unilaterali e aggressive della Turchia La tolleranza della NATO all’aggressione turca è così alta che tace sempre sulle violazioni quotidiane della Turchia dello spazio marittimo e aereo greco, nonostante la Grecia sia un membro della NATO

Nave turca nel Mediterraneo

L’aggressione turca contro la Francia nel Mediterraneo, poche settimane fa, non è stata ignorata. Poiché la Grecia non è geostrategicamente importante per la NATO rispetto alla Turchia, l’aggressione contro di essa è sempre ignorata e tollerata dalla NATO. Tuttavia, l’aggressione turca contro una potenza nucleare come la Francia non sarebbe mai stata messa da parte e ignorata. Ankara ha commesso un errore pensando che la stessa aggressività che utilizza contro la Grecia sarebbe tollerata con la Francia.

Mentre la Turchia sostiene e protegge il governo degli accordi nazionali dei Fratelli Musulmani con sede nella capitale libica di Tripoli e i loro alleati jihadisti (trasferiti dalla Siria), la Francia sostiene il suo rivale, l’Esercito nazionale libico. Questa è stata un’altra causa di divisione tra Francia e Turchia, spingendo Macron a dire ieri:
Penso che questa sia una responsabilità storica e criminale per qualcuno che afferma di essere un membro della NATO.”
Macron ha così commentato, dopo aver tenuto colloqui con il cancelliere tedesco Angela Merkel , considerato il più stretto alleato della Turchia in Europa.
Inoltre ha aggiunto che la condotta della Turchia in Libia è “inaccettabile per noi” e che Ankara deve “chiarire urgentemente” la sua posizione.

Macron non nasconde affatto il suo disprezzo per il governo turco e per la NATO. È anche l’unico grande leader occidentale aperto alle relazioni amichevoli con la Russia. La Francia sta spingendo per un “esercito europeo” al di fuori della NATO. Mentre l’Alleanza continua a tollerare le azioni aggressive della Turchia nel Mediterraneo, questo potrebbe allontanare la Francia dalla NATO, una svolta interessante degli eventi considerando che negli ultimi due anni ci sono state infinite speculazioni sul fatto che fosse la Turchia ad essere allontanata dalla NATO per l’acquisizione del Sistema di difesa missilistico russo S-400.

La continua tolleranza della NATO per l’aggressione turca che minaccia persino gli Stati membri potrebbe essere il vero catalizzatore che vedrà la Francia abbandonare nuovamente l’Alleanza. Anche se un sondaggio Pew da febbraio ha scoperto che solo il 37% dei greci era favorevole alla NATO, il secondo più basso esaminato, l’élite politica greca continuerà a essere sottomessa alla NATO, contrariamente agli interessi e alle preoccupazioni della difesa della Grecia. Pertanto, è estremamente improbabile che la Grecia lasci la NATO. Lo stesso sondaggio ha rilevato che solo il 49% dei francesi era favorevole alla NATO, che sicuramente è calato ulteriormente dopo le dichiarazioni più recenti di Macron e le azioni turche contro la Marina francese.

In effetti, mentre la NATO continua a sostenere l’aggressione turca anche contro gli altri Stati membri, l’Alleanza sta solo spingendo la Francia fuori mentre Macron si prepara a diventare il Charles de Gaulle del 21 ° secolo.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.