Il sabotaggio contro le petroliere degli Emirati Arabi Uniti è una operazione di “falsa bandiera” (false flag), lo dice un analista statunitense.

0

Le “operazioni di sabotaggio” contro le petroliere vicino agli Emirati Arabi Uniti sono state un’operazione segreta lanciata dal Mossad e dalla CIA con lo scopo di ingannare il mondo mostrando l’Iran come responsabile degli attacchi, secondo un analista politico americano.
Un anonimo funzionario statunitense che è stato citato dalla Reuters aveva lanciato accuse infondate contro Teheran sulla scia di una presunta “operazioni di sabotaggio” contro le petroliere.

“Quello che vediamo in gioco in Medio Oriente, per quanto riguarda le navi, è una classica operazione di bandiera falsa che responsabilizza l’Iran per fornire il pretesto di un attacco da parte dell’Occidente, in particolare dagli Stati Uniti”, lo ha detto alla Press TV, James Henry Fetzer, un accademico americano del Minnesota in un’intervista di martedì.

“Niente potrebbe essere di meno nell’interesse dell’Iran che provocare un evento come questo – si tratta molto chiaramente un’operazione condotta dal Mossad e dalla CIA”, ha detto.

Fetzer ha sostenuto che questa è una trappola dei falchi nell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per attirare le forze americane in una guerra con l’Iran.

Impianti petroliferi sauditi

“Siamo molto delusi nel vedere che Donald Trump sembra cadere nella trappola qui … È soggetto a manipolazioni da parte di John Bolton, che non ha alcun interesse a essere il suo consigliere per la sicurezza nazionale, e Mike Pompeo, che non ha alcun ruolo in servizio come segretario di Stato “, ha detto, aggiungendo che entrambe le figure erano falchi anti-Iran estremisti che” fornivano al Presidente degli Stati Uniti, che naturalmente è anche comandante in capo, informazioni false su quello che sta realmente accadendo qui “.

Fetzer ha detto che la mossa ha lo scopo di ingannare il mondo sull’Iran. “Chiaramente questo è una montatura. Il mondo intero deve capire che questo non è un fatto attribuibile all’Iran.

Fetzer ha insistito sul fatto che gli iraniani sono persone che amano la pace e non hanno intenzione di iniziare una guerra.

“L’Iran è una nazione amante della pace che non ha lanciato una guerra di aggressione contro qualsiasi altro stato dal 1775”, ha osservato. Questo fa la differenza con paesi della regione che hanno condotto guerre ed occupazione di territori altrui.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.