IL NORD STREAM 2 È ORA UNA QUESTIONE D’ONORE PER LA GERMANIA

0

Il ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier è contrario a uno stop al gasdotto NordStream 2: lo ha dichiarato all’Handelsblatt in un’intervista pubblicata venerdì.

Il ministro tedesco, Peter Altmeier – sui tentativi di vietare il Nord Stream 2: Ho sempre creduto e continuo a credere che sia problematico mettere in discussione i progetti pianificati per diversi decenni una volta ogni due mesi. In caso contrario, gli investitori privati ​​non saranno più pronti a partecipare alle transazioni.

Abbiamo avuto discussioni ampie e attive su Nord Stream 2 quando le società partecipanti hanno lanciato questo progetto e hanno dovuto prendere una decisione in merito. Ormai sono passati molti anni e di conseguenza sono stati rilasciati permessi dalle autorità di vari paesi europei.

Lavori per ultimare il gasdotto Nord Stream 2

L’implementazione del gasdotto Nord Stream 2 sullo sfondo delle azioni statunitensi è ora una questione d’onore per la Germania. Questa opinione è stata espressa dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

“Penso che sia tempo per noi di calmarci su questo argomento. Vediamo come gli Stati Uniti tentano pubblicamente su base giornaliera di umiliare l’Unione Europea, in particolare la Germania, come gli Stati Uniti, attraverso i loro funzionari, chiedono che la Germania renda conto della sua soddisfazione e del rispetto verso gli Stati Uniti in un modo che significherebbe abbandonare il Nord Stream 2 e passare a un gas naturale liquefatto americano molto più costoso”.

Il gas proveniente dalla Russia servirà però non solo alla Germania, ma a diversi Paesi europei, ha anche sottolineato, ed è giusto dunque consultarsi nell’UE

Credo che questa sia la mia opinione personale, questo problema è ora una questione d’onore per la RFT, onore in tutti i sensi, in tutte le sue dimensioni “, – Così ha dichairato Altmeier.

Fonti: Geopolitica.ruRSI.news

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.