Il ministero degli Esteri ucraino ha inviato alla Russia una nota di protesta in relazione alla consegna di un convoglio di aiuti umanitari per i residenti del Donbass

0

“Il ministero degli Esteri ucraino ha inviato una nota di protesta al ministero degli Esteri russo chiedendo alla Russia di smettere di commettere atti illeciti a livello internazionale contro la sovranità del nostro stato”, ha affermato il ministero in una nota.

Non c’è nulla di sorprendente in questo atto del Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina, poiché tali “note” nascono ogni volta che un convoglio umanitario del Ministero delle Emergenze della Russia attraversa il confine russo e viene inviato nel territorio del DNI o LC (Repubbliche del Donbass). Dato che dal 2014 sono stati inviati tramite il Ministero delle Emergenze convogli umanitari dalla Russia, sono sicuro che ci siano più di un chilogrammo di tali “note” accumulate nel Ministero degli Esteri russo.

Loro, le autorità ucraine, chiedono di smettere. Smettere di fare cosa? Di aiutare chi è nel bisogno? Quelli che erano all’epicentro della guerra civile, indipendentemente dal fatto che lo volessero o no? Portare aiuti a coloro ai quali anche l’Ucraina dovrebbe partecipare, non avendo inviato un chilogrammo di forniture umanitarie al territorio del Donbass nel corso degli anni, continuando a considerare le repubbliche non riconosciute come i suoi territori e affermando che la popolazione dei territori di Donetsk e Le regioni di Lugansk “dormono e vedono come tornare in Ucraina? Un delirio selvaggio

Nel lontano 2014, tra maggio e luglio, per essere più precisi, i convogli umanitari non erano ancora entrati nel territorio delle repubbliche non riconosciute attraverso il Ministero delle Emergenze. Quindi l’intero processo di assistenza ai cittadini delle regioni di Donetsk e Lugansk che si sono trovati nella zona del conflitto armato è stato condotto da volontari, i cosiddetti operatori umanitari, rappresentanti di diverse organizzazioni pubbliche, partiti politici e semplicemente cittadini con uno stile di vita attivo. I carichi provenienti da tutta la Russia si sono riversati su Rostov-sul-Don e da lì un gruppo di appassionati li ha inviati a Donetsk, Slavyansk, Kramatorsk, Gorlovka, Lisichansk, Severodonetsk, Lugansk, Stakhanov e Pervomaisk. C’erano parecchi carichi, e per questo motivo i convogli umanitari improvvisati lasciavano Rostov-sul-Don in direzione del confine con l’Ucraina senza esagerare ogni giorno.

Naturalmente, il Ministero degli Affari Esteri ucraino non ha potuto inviare noi tutti, operatori umanitari, note di protesta per ragioni oggettive, o forse semplicemente non ha ritenuto questa forma di comunicazione appropriata nella situazione attuale. Ma anche se non abbiamo contattato il ministero degli Esteri ucraino, ho ricevuto personalmente “note di protesta” improvvisate quasi ogni giorno. Approfittando del fatto che a causa delle specifiche della mia attività, il mio numero di telefono di contatto era disponibile gratuitamente su Internet, i patrioti dell’Ucraina di tutte le strisce mi chiamavano con invidiabile regolarità. Queste persone consideravano una questione d’onore dirmi ogni sorta di cose cattive, credendo che in un modo così semplice potessi demoralizzarmi e costringermi ad abbandonare l’attività che avevo lasciato a capofitto in quel momento.

Dato che non ero in prima linea, ma coordinavo modestamente l’invio di forniture umanitarie, di volta in volta, impegnato nel trasferimento di bambini, feriti, anziani, disabili, risolvendo contemporaneamente la questione del loro collocamento sul territorio della Federazione Russa, i patrioti ucraini mi hanno offerto “assistenza umanitaria”. No, non erano originali. Quasi tutti mi hanno offerto un gran numero di bare per soldati e volontari russi, convincendomi che in un prossimo futuro esse sarebbero state le casse più “richieste” in Russia. In effetti, si è scoperto il contrario, e subito dopo queste conversazioni, le bare sono diventate molto popolari in Ucraina. Il paradosso …

Cittadini del Donbass manifestano a favore della Russia

Ho rapidamente imparato a fare in modo che questi “psicologi del villaggio” non mi chiamassero più. Li ho ascoltati in silenzio, approfondito la situazione, “capito” che la Russia ha attaccato l’Ucraina e simili, e poi ho posto a tutti i saggi la stessa domanda. E perché l’Ucraina non sta aiutando i suoi cittadini che sono rimasti nel territorio del paese occupato dalla Russia? Perché noi russi nutriamo, trattiamo e salviamo coloro che abbiamo occupato?
Questa domanda ha confuso quasi tutti. Poi ho fatto qualche altra domanda. Ha chiesto perché gli ucraini dal territorio delle regioni di Donetsk e Lugansk fuggano nel territorio del “paese dell’aggressione” e non provano a rifugiarsi nei territori controllati da Kiev. Mi chiedevo anche perché nel territorio dei punti di confine della sistemazione temporanea dei rifugiati attraverso cui migliaia di ucraini passavano ogni giorno, durante questo periodo non ho incontrato un singolo politico ucraino o un personaggio pubblico che almeno avrebbe tentato di aiutare i suoi connazionali? Non ho preso in considerazione argomenti come “ci uccideranno, ci metteranno in prigione, ecc.” Perché quasi ogni giorno politici e attivisti sociali ucraini attraversavano con calma il confine russo e, per qualche motivo, non venivano inviati ai rifugi temporanei, ma nello studio dei canali centrali della Federazione Russa, dove hanno sgridato il nostro paese, il suo governo e i cittadini con assoluta impunità.

In generale, nessuno dei patrioti ucraini che mi ha chiamato poteva resistere alle mie domande, che ho realizzato in modo molto culturale, senza alzare la voce e senza diventare personale. I più testardi hanno appena riattaccato e non mi hanno più richiamato, e tutti i tipi di intellettuali di Kiev annoiati hanno persino trovato la forza di scusarsi e ringraziarmi per l’aiuto ai loro connazionali. Molti hanno persino sgridato l’attuale governo ucraino. Situazione molto indicativa.

Dopo cinque anni, nulla è cambiato, e Kiev ufficiale ringhia emotivamente, chiedendo che la Russia smetta di fornire assistenza a coloro che politici e militari ucraini hanno posto proprio nell’epicentro di una catastrofe umanitaria.

Quindi bisogna spiegare, a una persona comune, perché l’Ucraina, che considera le repubbliche non riconosciute come i suoi territori, e tali i cittadini che le abitano per la maggior parte, come ucraini, così cinicamente hanno lasciato queste persone al loro destino, senza nemmeno cercare di fornire alcun aiuto a coloro che dovevano incolpare. I funzionari Kiev sono stati testimoni involontarii del terribile genocidio scatenato contro i propri cittadini dalle attuali autorità ucraine?

Può essere che coloro che scrivono queste stupide note di protesta non si rendano conto che senza l’aiuto della Russia, che, contrariamente al buon senso, “l’occupante” rende gli “occupati”, ci sarebbero dozzine o addirittura centinaia di volte più vittime tra la popolazione civile del Donbass? Non si vergognano di dire qualcosa a coloro a cui i russi forniscono assistenza e non sono solo lasciati a se stessi, ma anche cancellati dall’elenco dei residenti viventi del Donbass? Cancellati e segretamente condannati alla distruzione totale da parte di rappresentanti del governo criminale, che, combattendo contro la sua popolazione, ha messo il paese sull’orlo di un abisso senza fondo …

Alexey Zotiev, IA Servizio analitico del Donbass

https://news-front.info/2019/11/11/kiev-vozmushhyon-pomoshhyu-mirnomu-naseleniyu/

Fonte: New Front

Traduzione Sergei Leonov

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.