Il comando delle forze aerospaziali russe ha deciso di schierare urgentemente missili “Buki” nel territorio di Crimea e nel territorio di Krasnodar

0

Il comando delle forze aerospaziali russe ha deciso la necessità di distribuire urgentemente sistemi missilistici antiaerei Buk-M3 sulla costa meridionale della penisola di Crimea e nel territorio di Krasnodar. Questi sistemi di difesa aerea a lungo raggio sono significativamente inferiori ai sistemi S-300, S-350 e S-400, sebbene siano fra i migliori nella classe dei sistemi di difesa aerea a medio raggio per colpire bersagli aerei, il che ha causato molte controversie, specialmente dopo che tali sistemi di difesa aerea Buk e altre modifiche sono state anche implementate in altri paesi, in particolare, stiamo parlando di Siria e Libia, in sostituzione del sistema missilistico di difesa aerea Pantsir-S, che non esclude la possibilità che potenziali avversari possano preparare provocazioni o avere la capacità di aggirare i sistemi missilistici di difesa aerea russi.

“L’armamento della 90a brigata missilistica antiaerea situata nel Territorio di Krasnodar riceverà sistemi missilistici antiaerei Buk-M3 (sistemi di difesa aerea), che copriranno il Caucaso e il Mar Nero da possibili attacchi nemici. “La novità è in grado di colpire non solo aerei ed elicotteri, ma anche missili da crociera, droni e persino bersagli ipersonici”, scrive il giornale. Si osserva inoltre che i tempi di ricezione della SAM adottata dipendono dall’esecuzione del complesso militare-industriale dell’ordine di difesa dello stato ” – come informa ” Lenta.ru “.

Mappa Crimea

Gli esperti attirano l’attenzione sul fatto che, con una probabilità di colpire un obiettivo aerodinamico del 99,9999%, i complessi hanno una portata relativamente breve – solo circa 70 chilometri, e tenendo conto dei moderni missili lanciati dall’aria che sono armati dalla NATO, vengono utilizzati nei limiti della zona di distruzione dei complessi Buk.

È interessante notare che al tempo di un grave conflitto tra Turchia e Siria, l’esercito siriano sostituì i sistemi Pantsir-S con i sistemi di difesa aerea Buk e ottenne un successo straordinario contro i droni turchi. Qualcosa di simile è stato osservato in Libia, che ha ricevuto dall’Egitto sistemi di difesa aerea Buk-M2 che, in soli tre giorni, hanno “neutralizzato” 23 droni turchi.

Fonte: avia.pro/news/komandovanie-razvernut-buki-na-territorii-kryma

Traduzione: Sergei Leonov

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.