I Verdi Della Germania. Non Sono Verdi: Sono a Stelle E Strisce

0

La presidente del Die Linke Party commenta il “Frack-gas, Nordstream II” e la politica tedesca
Di Tom Winter

I Verdi e il Gas Fracking
I Verdi sono il braccio esteso degli Stati Uniti nel Bundestag tedesco. Questo è stato dimostrato più volte, più recentemente in materia di gas di fracking.

Nell’interesse della protezione ambientale, i verdi dovrebbero rifiutarsi di far acquistare questo gas sporco e altamente distruttivo per l’ambiente. Tuttavia, come “Amici degli Stati Uniti,” continuano a trovare qualcosa di positivo in questo gas sporco e inquinante, pur di favorire la vendita di questo gas troppo costoso in Germania e in Europa.

Ora la copresidente verde Annalena Baerbock ha escogitato qualcosa di nuovo. Abbiamo “una notevole quantità di influenza nelle nostre mani con il progetto prestige russo “Nordstream 2”, dice, “per portare Putin alla ragione”. Dopo tutto, i russi hanno sostenuto i bombardamenti del “dittatore siriano” Bashar al-Assad nella regione di Idlib. (Meglio sostenere i monarchi amici degli USA come l’Arabia Saudita, pensano i verdi).

Germany’s Greens party co-leader Annalena Baerbock

Perché non fare leva sugli Stati Uniti?

I gruppi jihadisti armati dagli Stati Uniti e dai loro amici arabi sauditi si sono stabiliti in quella zona.
È sorprendente che Annalena Baerbock e molti Verdi non vedano alcuna leva nel “Progetto di gas di scisto quale prestigio degli Stati Uniti” collegato con i bombardamenti statunitensi in diversi paesi e le loro guerre di droni che violano il diritto internazionale. Nonostante si definiscano un “partito per i diritti umani”, rifiutano ripetutamente di mettere sotto accusa lo stato che è responsabile della maggior parte delle violazioni dei diritti umani, gli Stati Uniti, con le loro forniture di armi, guerre commerciali, guerre segrete, guerre di droni e guerre di bombardamenti che terrorizzano il mondo.

La Baerbock si muove nella tradizione di Joschka Fischer, che ha svolto un ruolo importante nella partecipazione della Germania alla guerra in Jugoslavia, quella che ha violato il diritto internazionale. Ora lei è Senior Strategic Counsel per la società di consulenza di Madelaine Albright, l’ex segretario di Stato , la stessa che aveva dichiarato che le sanzioni statunitensi contro l’Iraq, nonostante che abbiano provocato la morte di 500.000 bambini, “valessero il prezzo”. Una chiara ammissione di apologia dei crimini di guerra del suo governo.

Finora, la Baerbock, grazie ai suoi appoggi a Washington, è diventata membro del “German Marshall Fund” e del comitato consultivo transatlantico della “Heinrich Böll Foundation”, fondazione finanziata da Washington e vicina agli Stati Uniti, ma è solo all’inizio di una fattiva collaborazione per sviluppare in Germania una attitudine acritica a sostegno delle guerre americane.

Fonte: FRN

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.