Gaza celebra un EUROVISIONE Alternativo tra le rovine dei bombardamenti

0

Rami Okasha è in piedi tra le macerie del palazzo bombardato a Gaza e strimpella la sua chitarra.
Canta una ballata tradizionale intitolata ” I Write my Country’s Name on the Sun”, mentre i ragazzini guardano, appollaiati su un’auto distrutta.

L’area è stata colpita da uno dei tanti bombardamenti aerei israeliani questo mese e Okasha, un famoso musicista locale, sta cantando in segno di protesta.

La sua esibizione è in un palcoscenico, ma a 60 chilometri più a nord, lungo le coste del Mediterraneo, gli israeliani a Tel Aviv vengono intrattenuti in um moderno Forum sulle spiagge di Tel Aviv per uno spettacolo di musica pop con artisti del calibro di Madonna e di altre star mondiali.

Gazavision, l’evento in cui ha suonato Okasha martedì, è stato un evento creato per protestare contro Israele che ospita il contesto della canzone Eurovision del 2019.

Israele ha vinto il diritto di ospitare il concorso internazionale di musica pop dopo che Netta Barzilai, la fiammeggiante cantante israeliana, aveva vinto l’evento dello scorso anno a Lisbona.

Ma l’evento, che attira un pubblico televisivo di 200 milioni di persone, ha suscitato polemiche e arriva poco dopo una recente crisi di violenza tra Gaza e Israele.

Eurovision è ospitato in un grande e moderno complesso sulla spiaggia a Tel Aviv, una struttura di sei ettari completa di stand gastronomici, bar, palchi e schermi giganti.

Il suo confronto con il palcoscenico improvvisato di Gaza fra le rovine è un potente simbolo dell’asimmetria degli ultimi due giorni di combattimenti tra i militanti di Gaza e l’esercito israeliano , in cui quattro civili israeliani sono stati uccisi da missili e 25 palestinesi sono morti, nove dei quali militanti della resistenza armata., gli altri civili, donne e bambini.

I ragazzini di Gaza seguono il concerto

Tuttavia Okasha ha voluto manifestare che la sua musica era più focalizzata sulla pace. “Il nostro messaggio è pieno di amore e pace. Vogliamo solo vivere in pace “, ha detto a The National.

Un gruppo giovanile di Gaza chiamato Josor, che si traduce come coraggioso, ha organizzato il concorso per il concerto nella speranza di mettere in evidenza la disparità tra israeliani e Gaza e l’ingiustizia intrinseca del blocco che subisce da anni l’enclave e che causa enormi sofferenze tra la popolazione.

Inoltre vogliamo anche sfidare gli stereotipi di Gaza, ha detto Salem Harara, 24 anni, membro del gruppo.

“Siamo qui oggi per inviare le nostre melodie che esprimono con il loro messaggio la bellezza di Gaza al mondo e per cambiare i cliché di Gaza dalle immagini piene di tristezza a quelle di felicità”, ha detto Harara,

Uno degli spettatori del pubblico, Sabreen Alnajjar, di 45 anni, ha affermato che l’evento è stato l’occasione per protestare in modo positivo, con la musica invece che con le armi.

“Sono qui per esprimere il mio rifiuto delle violazioni dei diritti contro i palestinesi e per mostrare la mia opposizione alla competizione della Eurovision che si terrà a Tel Aviv”, ha detto la signora Alnajjar.

Sua figlia era una giovane dottoressa uccisa dal cecchino israeliano al confine l’anno scorso mentre si offriva volontaria per aiutare i manifestanti feriti.

Bambinio di Gaza fra le rovine

Razan, che aveva 21 anni quando morì, divenne un simbolo del movimento di protesta lanciato il 30 marzo per chiedere il diritto dei rifugiati palestinesi a tornare alle case che fuggirono durante la creazione di Israele nel 1948.

“Chiedo a tutti coloro che vogliono sostenere i palestinesi di prendere in considerazione la possibilità di boicottare la competizione dell’Eurovisione, perché Israele continua a uccidere i nostri bambini”, ha detto la signora Alnajjar.

A Gaza, gli attivisti dei social media hanno guidato un movimento online contro Eurovision.

Gli attivisti hanno preso di mira le pagine personali dei musicisti che dovevano apparire all’evento, chiedendo loro di cancellare le loro esibizioni.

Martedì, Madonna ha detto che non aveva intenzione di cancellare la sua apparizione programmata a Tel Aviv questo fine settimana.

“Non smetterò mai di suonare la musica per soddisfare l’agenda politica di qualcuno, né smetterò di esprimermi contro le violazioni dei diritti umani ovunque nel mondo che potrebbero essere”, ha detto.

In ogni caso Ameen Abed, uno dei palestinesi che chiede un boicottaggio dell’evento, ha detto di ritenere di aver incoraggiato alcuni artisti programmati ad annullare.

“Continuiamo la nostra campagna per negare le menzogne ​​della potenza occupante”, ha affermato Abed. “È nostro dovere nazionale e morale difendere le nostre radici storiche in questa terra”.

Bassem Naeem, capo del consiglio per le relazioni internazionali a Gaza e ex ministro della salute, ha affermato che eventi come Eurovision in Israele sono stati un tentativo di distogliere l’attenzione dal trattamento riservato ai palestinesi.

Un artista canta a Gaza e dona un momento di svago alle persone addolorate

“Nessuno, inclusi cantanti e artisti, ha il diritto di nascondere i crimini israeliani”, ha detto Naeem.

“L’Eurovision 2019 si svolge su terreni rubati ai nostri nonni e nonne”.

Mentre gli israeliani venivano intrattenuti dalle star mondiali, “qui a Gaza ci sono due milioni di persone tenute in ostaggio e sotto assedio”, ha detto Naeem.

“Le nostre terre in Cisgiordania sono state confiscate e più di 6.000 delle nostre persone sono detenute in condizioni disumane nelle carceri israeliane”. (Vedi Video al link sottostante)

https://www.thenational.ae/world/mena/gazavision-palestinians-hold-concert-to-protest-against-eurovision-in-israel-1.861582

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.