Erdogan si è incamminato verso la trappola siriana

0

Il viceministro degli Esteri siriano, siriano, Faisal Mekdad, ha affermato che “chi si vende a basso prezzo sarà eliminato dalla storia. Abbiamo già avvertito più volte (ai curdi siriani) di trame tracciate contro la patria e il sistema siriano. Abbiamo già detto che prima o poi colui che si rifugia tra le braccia del nemico sarà tradito da lui. Questo è proprio quello che è successo tra la SDS (curdi) e gli americani. ”
Citando ancora Mekdad, il quotidiano panarabo Rai al Youm osserva: “Chi ha sostenuto uno smembramento della Siria deve tornare all’ovile della patria. È la patria che accoglie tutti i suoi figli a braccia aperte. Vogliamo risolvere i problemi, in modo positivo e non violento, preservando l’intero territorio. Il governo siriano non tollererà la perdita di 185.000 chilometri quadrati del paese “.
In effetti, se gli Stati Uniti decidono di ritirarsi dalla Siria nord-orientale, questo è solo un segno del loro fallimento: “Gli Stati Uniti hanno fallito in tutto il mondo. I loro piani, sia per il Golfo Persico, Africa, Asia o contro Russia e Cina, sono falliti. Il razzismo che sfida le regole internazionali o la Carta delle Nazioni Unite non ha futuro. Inoltre, consigliamo alla Turchia di non fidarsi degli americani e soprattutto di non rischiare di essere sommersi in una palude nel nord della Siria.

La Turchia vuole “eliminare i curdi e creare una zona di sicurezza lunga 30 km e larga 500 km nel nord della Siria per ospitare i 3,5 milioni di siriani sfollati che si trovano sul loro territorio, ma è questa scommessa realizzabile? ”chiede il giornale, chi dice che tutto suggerisce che Erdogan sia stato ingannato ancora una volta. Tuttavia, il “ritiro improvviso” degli americani dal nord della Siria, dove lasciano decine di basi e campi, è un regalo avvelenato per il presidente turco per quattro motivi:
“In primo luogo, prima o poi le forze militari turche dovranno affrontare i curdi, che sono stati addestrati e armati fino ai denti dagli americani per anni. Un ultimo convoglio militare americano ad Hasaka comprendeva circa 300 veicoli e armi anticarro, antiaeree e altro ancora. Tuttavia, sappiamo che i combattenti curdi hanno esperienza, portano la guerra nel sangue e sono consapevoli dei punti deboli dell’esercito turco per essere stato in contatto con loro ad Al Bab o Raqqa. “

In secondo luogo, questa operazione militare costerà troppo. I suoi costi peseranno pesantemente sulle spalle di una Turchia che sta attraversando una grave crisi economica. C’è anche la questione dell’amministrazione delle regioni che la Turchia intende occupare, nonché i servizi che dovrebbe fornire a migliaia, se non milioni, di abitanti. Va notato che, in effetti, le autorità turche hanno accettato la collaborazione degli americani nella creazione della “zona di sicurezza” per condividere i costi con gli Stati Uniti, ma gli americani hanno appena fatto svanire questa illusione.

Rifugiati siriani in Turchia

In terzo luogo, è ovvio che l’esercito siriano non siederà pigramente guardando la Turchia impadronirsi di intere aree del territorio siriano e dovrà affrontare le forze degli aggressori. Ma questa azione militare contro la Turchia potrebbe prendere forme che Ankara non si aspetta.
In quarto luogo, anche se viene meno l’assunto poco probabile che l’operazione dell’Esercito turco abbia successo e che alla fine la Turchia domini l’area, si incontrerà con un’altra bomba a orologeria: la presenza di migliaia di membri del Daesh, di tutte le nazionalità messe insieme, nelle carceri curde. Cosa sarà fatto con loro? Saranno processati e incarcerati per sempre a spese del governo turco? E dove avranno luogo i processi, in Siria o in Turchia? La Francia ha pagato di tasca sua milioni di dollari affinché l’Iraq smetta di inviare terroristi francesi in Francia. Cosa farà Erdogan?

Fonte: Rai al Youm

Traduzione: Lisandro Alvarado

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.