Covid-19 segna la fine del liberalismo occidentale e il trionfo degli stati AUTORITARI?

0

Di Artyom Lukin , professore associato di relazioni internazionali presso la Far Eastern Federal University di Vladivostok, Russia e Yaroslav Shevchenko , studente laureato presso l’Università Renmin della Cina

La pandemia di Covid-19 ha portato molti a mettere in discussione il destino della democrazia liberale rispetto alle sue alternative autoritarie. Il rapido successo della Cina contrasta con la debacle americana e fa meravigliare del futuro politico dell’umanità.
Il futuro potrebbe appartenere a una miscela della tecnocrazia cinese di stato-partito e di Singapore?
In realtà, Covid-19 non ha smentito la continua vitalità della democrazia né provato la superiorità dei modelli autocratici. Ci sono paesi autocratici che hanno rovinato la loro risposta cupa e ci sono democrazie che hanno affrontato eccezionalmente bene. La maggior parte dei paesi, tuttavia, rientra nella categoria media nel modo in cui hanno gestito la diffusione della malattia. Questo gruppo presenta tutti i tipi di regimi politici, tra cui la Russia e la maggior parte degli stati europei.

La pandemia ha infranto alcune nozioni radicate su democrazie e autocrazie. Uno di questi è il valore della vita umana. Ci è sempre stato insegnato a credere che le democrazie liberali occidentali siano quelle che tengono maggiormente ai diritti umani e alla vita umana, mentre i governi autocratici e totalitari considerano i loro soggetti sacrificabili nel perseguimento degli obiettivi economici o geopolitici dello stato. Ma allora come si spiega il duro fatto che la Cina autoritaria abbia preso misure drammatiche per proteggere la sua popolazione dal virus, anche se Pechino ha capito che avrebbe sferrato un duro colpo alla importantissima crescita economica? Allo stesso tempo, diverse democrazie liberali hanno esitato sulla scelta tra salvare vite umane e il benessere dell’economia per lavare “il paese. Il primo ministro di un altro paese (GB) ha flirtato con l’idea di ” immunità di gregge “. La quintessenza della democrazia liberale in Svezia ha effettivamente scelto il normale funzionamento dell’economia piuttosto che la massima protezione della vita umana. Curiosamente, si è unito a questa scelta l ‘”ultima dittatura” europea – la Bielorussia di Alexander Lukashenko.

Nel 1989 il teorico politico americano Francis Fukuyama pronunciò notoriamente la frase sulla fine della storia. L’Unione Sovietica stava crollando e la prole dell’élite cinese, di ritorno dai college americani, avrebbe dovuto trasformare la Cina comunista in una democrazia occidentalizzata. Trenta anni dopo, la Russia di Putin sta minando le basi della politica democratica americana, mentre lo stesso Fukuyama mette in guardia sulla oscura e grave minaccia di una Cina “neo-totalitaria”.
Gli Stati Uniti trattano la Cina come se fosse la Germania nazista. Questa scivolata verso la terza guerra mondiale deve finire prima che sia troppo tardi

Non si può negare che dalla fine degli anni ’80 il numero di democrazie sia aumentato in tutto il mondo. Ma ci sono ancora alcuni preziosi esempi di democrazia liberale che attecchisce con successo al di fuori del nucleo del Nord Atlantico dove ha avuto origine. Diamo un’occhiata al quartiere cinese in Asia, per esempio. Anche quelle nazioni asiatiche che sono trattate come storie di successo del liberalismo politico potrebbero non considerare un esame più attento. Basta chiedere a una persona gay della Corea del Sud com’è la vita delle minoranze sessuali nel loro paese.
Il Vietnam rigorosamente autoritario è apparentemente più avanzato in termini di diritti LGBT rispetto alla Corea del Sud democratica. L’India è, naturalmente, la più grande democrazia del mondo, anche se non è quasi mai stata una democrazia liberale. Ma sotto la regola nazionalista indù del BJP, con Narendra Modi al timone, il paese è visto da molti come evolversi verso un completo autoritarismo. Un’altra grande democrazia in Asia è stata governata per molti decenni da un partito, chiamato, con tutti i nomi, il Partito Liberal Democratico del Giappone. Nonostante sia governato da “liberali”, il Giappone ha, beh, alcuni problemi con la democrazia, tra cui una crescente erosione della libertà di stampa .

Stato d’Assedio a Parigi

Proprio come le presunte democrazie liberali potrebbero non essere così liberali dopo tutto, i regimi autoritari possono in effetti essere meno dispotici di quanto siano descritti. La Russia di Putin, in particolare, è un regime ibrido che mescola in modo creativo gli elementi delle istituzioni democratiche occidentali con l’autocrazia tradizionale russa. Il presunto dittatore Putin è noto per essere estremamente sensibile alle sue valutazioni di approvazione pubblica, il che è probabilmente un’indicazione che le persone contano nel sistema politico russo. Non abbiamo idea se Xi Jinping monitora attentamente i suoi voti di approvazione da parte della cittadinanza cinese, ma non vi è dubbio che Xi e il Partito Comunista Cinese siano pienamente consapevoli che la loro regola continua dipende dall’accettazione e dall’approvazione degli 1,4 miliardi di cinesi. In altre parole, almeno per alcuni regimi non democratici.

La pandemia di coronavirus ha nuovamente rivelato che diversi regimi politici si guardano l’un l’altro – e imparano gli uni dagli altri. L’esperienza della Cina nella sconfitta della prima ondata di Covid-19 è stata attentamente studiata e, in alcuni aspetti, adottata dalle democrazie liberali. Ma le democrazie influenzano anche il comportamento degli autocrati. Vladimir Putin inizialmente sembrava riluttante a rilasciare massicci aiuti finanziari alla popolazione russa. Tuttavia, poche settimane dopo ha annunciato ulteriori pacchetti di pagamenti diretti per le famiglie. La sua nuova generosità potrebbe essere stata in parte dovuta al fatto che molti russi hanno iniziato a chiedersi perché il governo tedesco stava fornendo denaro ai cittadini in difficoltà mentre il governo russo non lo faceva.

Proprio come la democrazia liberale non ha mai raggiunto il primato globale sulla scia del crollo dell’Unione Sovietica, è improbabile che il mondo passi all’autocrazia o ad una sorta di semi-autoritarismo a causa della crisi del coronavirus. Il mondo rimarrà un mosaico di vari regimi politici. La democrazia liberale rimarrà in gran parte confinata nella sua culla occidentale, anche se Fukuyama ha probabilmente ragione sul fatto che, a parte il nazionalismo, il liberalismo rimarrà come la più potente ideologia secolare. La maggior parte dei paesi presenterà modelli ibridi, autoritari e semi-autoritari di molte varietà. Simile alla biodiversità, che è fondamentale per qualsiasi ecosistema naturale, la continua esistenza dell’umanità si basa sulla diversità dei modelli socio-politici che coesistono, competono e imparano gli uni dagli altri. Ci sono precedenti storici:alimentare lo sviluppo delle politiche sociali occidentali durante la guerra fredda.

Come disse una volta Mao Zedong, “fai fiorire un centinaio di fiori”. Non sarebbe positivo se la democrazia liberale penetra in ogni angolo del mondo, ma sarebbe altrettanto male se un’autocrazia, cinese, singaporiana o qualsiasi altra varietà, domini il mondo.

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.