Chi sono i personaggi occulti dell’Elite finanziaria dominante

0

Fra la Banca di Israele, la FED e la Black Rock. Un posto di rilievo per Stanley Fisher

di Marc Gabriel Draghi.

Meno di un anno fa, uno dei vicepresidenti della Federal Reserve degli Stati Uniti è passato con discrezione al CDA della BlackRock Research Institute (BlackRock Investment Institute). Quest’ultimo Istituto ha quindi integrato con discrezione il gestore patrimoniale numero uno, pochi mesi dopo essersi dimesso dalla sua posizione presso la banca centrale americana.

Quest’uomo dall’aspetto magro (a sinistra della foto in alto, accanto a Netanyahu) e con uno sguardo vivace nonostante le sue 76 pimavere, si chiama Stanley Fisher.
Il suo nome e il suo volto probabilmente non significano nulla per te, ma se c’è un individuo che simboleggia da solo, l’oligarchia finanziaria contemporanea è questo piccolo gentiluomo. In effetti, la carriera esemplare di quest’uomo nell’ombra rivela informazioni preziose sull’influenza di una certa élite dominante sicura di sé nel funzionamento dell’economia mondiale.

Fischer oltre ad essere un perfetto esempio di passaggio tipico di “porta girevole”, simboleggia il notevole peso della finanza internazionale sul mondo politico. La sua carriera e le sue varie responsabilità ricoperte nei vertici del sistema finanziario possono permetterci di identificare le relazioni di potere e le pratiche attuali delle alte sfere oligarchiche transnazionali.

Soffermiamoci un attimo sul profilo di questa prestigiosa recluta della possente Banca Internazionale, BlackRock. È interessante notare che Fischer è nato nel continente africano, più precisamente nella città di Mazabuka in Zambia. Quest’ultimo proviene da una famiglia ebrea residente nell’ex Rhodesia del Nord. Lo Zambia era all’epoca una colonia britannica, e ottenne la sua indipendenza durante l’anno 1964.

Fischer nacque quindi nel mezzo della seconda guerra mondiale, nel 1943, nel mondo coloniale britannico, nella capitale dello Zambia: Lusaka. All’indomani della guerra, negli anni ’50, la sua famiglia partì per un’altra colonia britannica: la Rhodesia meridionale (ora Zimbabwe).

In teoria, Fischer aveva la cittadinanza britannica, ma quello che è certo è che, fin dalla sua adolescenza, Fischer sarà attivamente coinvolto in un movimento giovanile sionista chiamato “Habonim”.

Nel 1960, nell’ambito di questo attivismo sionista, viaggiò in Israele e studiò l’ebraico in un kibbutz. Pianificò quindi di iniziare gli studi presso l’Università ebraica di Gerusalemme, ma alla fine emigrò nel Regno Unito, dopo aver ricevuto una borsa di studio dalla prestigiosa London School of Economics. Tuttavia, dopo gli studi universitari britannici, Fischer tornò in Israele. In seguito Fischer ha attraversato l’Atlantico per recarsi negli Stati Uniti per studiare al MIT e per ottenere un dottorato.

All’inizio degli anni ’70, Fischer iniziò quindi una carriera come professore associato presso l’Università di Chicago. Fu all’interno di questa grande università, fondata nel 1890 da John D. Rockefeller, che iniziò la sua attività professionale come accademico. Fischer insegnò naturalmente nel dipartimento di economia designato come la Chicago School (che ha dato il nome a una scuola di pensiero economico -quella dei chicago Boys- legata a una visione neoliberista di economia).

In effetti, la Scuola di Chicago è generalmente associata alla teoria dei prezzi neoclassica, al libero mercato e al monetarismo, nonché a un’opposizione al Keynesismo, a cui sono vincolati la maggior parte degli insegnanti e degli studenti. Quindi questa scuola di pensiero è spesso simboleggiata dal grande pubblico dalla figura di Milton Friedman, premio Nobel per l’economia nel 1976. Le teorie della scuola di Chicago sono in particolare all’origine delle politiche economiche della Banca Mondiale dagli anni ’80 alla metà degli anni ’90, che ha portato alla privatizzazione di molte imprese pubbliche nei paesi in via di sviluppo e indebitamento degli stati…….

Fischer viene tuttavia presentato come una figura centrale nell’economia “neo-keynesiana”, vale a dire una prospettiva economica che non mira a sostituire lo stato per il mercato, ma che cerca di trovare i mezzi per migliorare il funzionamento dell’economia … È poi diventato professore presso il Dipartimento di Economia del prestigioso MIT “Department of Economics” dal 1977 al 1988. Fu durante questo periodo che fu in particolare direttore della tesi per Ben Bernanke, colui che in seguito fu il capo della Federal Reserve americana durante il Crisi dei subprime del 2007-2008, o di Mario Draghi, direttore della BCE dal 2011 al 2018.

Nel gennaio 1988, Fisher ha iniziato la sua carriera come senior manager in grandi organizzazioni finanziarie, e per due anni è stato vicepresidente, Economia dello sviluppo e Chief Economist presso la Banca mondiale. È stato quindi nominato primo vicedirettore generale del Fondo monetario internazionale (FMI) dal 1994 al 2001. Fu in questa occasione che si unì all’influente organo di consulenza finanziaria con sede a Washington, il Gruppo dei Trenta (organismo che riunisce il Gotha della grande finanza transnazionale).
Per quanto riguarda la sua attività nei Think Thanks del globalismo finanziario: è anche membro del gruppo Bilderberg e in particolare ha partecipato alle sue conferenze ufficialmente nel 1996, 1998, 1999 e 2018. Va anche sottolineato che il personaggio in questione è Membro emerito del “Council on Foreign Relations” (CFR), il massimo organismo che guida e indirizza la politica degli USA.

All’inizio degli anni 2000, Fischer decise di “fare fortuna”. Successivamente è stato assunto da una grande banca privata ed è diventato vicepresidente di Citigroup, presidente di Citigroup International e capo del gruppo di clienti nel settore pubblico. Fischer rimane un dirigente di Citigroup solo per tre brevi anni da febbraio 2002 ad aprile 2005, abbastanza da intascare milioni di dollari in super stipendi ed azioni.

Fischer in mezzo ai banchieri centrali

Una delle prime “consacrazioni politiche” della sua carriera arrivò all’inizio del 2005, quando Fischer fu nominato Governatore della Banca di Israele dal gabinetto israeliano, dopo essere stato raccomandato dal Primo Ministro Ariel Sharon e dal Ministro di Finanze Benjamin Netanyahu. Ovviamente nel frattempo, Fischer prese la nazionalità israeliana senza rinunciare alla sua cittadinanza americana. Inoltre, va notato che Fischer aveva già lavorato in collaborazione con la Banca d’Israele in passato. In particolare, era stato lui a fungere da advisor per il governo americano circa il programma di stabilizzazione economica di Israele nel 1985.

Sotto la sua guida, nel 2010, la Banca di Israele ha fatto miracoli nel contesto della crisi economica globale. Si classifica addirittura al primo posto tra le banche centrali grazie alla sua efficiente operazione, secondo l’Annuario della competitività mondiale di IMD. Il “regolatore” Fischer è oggetto di numerosi elogi internazionali che lodano la sua gestione dell’economia israeliana all’indomani della crisi finanziaria globale. Nel settembre 2009, la Bank of Israel è stata la prima banca nel mondo sviluppato ad aumentare i tassi di interesse …

Nel 2009, 2010, 2011 e 2012, Fischer ha persino ricevuto un  rating “  A ” sul bollettino della banca centrale pubblicato dalla rivista Global Finance . Nell’ottobre 2010, Fischer è stato anche nominato governatore dell’anno per la banca centrale dalla rivista Euromoney. Fischer è quindi all’inizio del decennio 2010 una delle grandi “star” dei principali banchieri centrali. Ma è stato anche durante questo periodo che ha sperimentato il suo unico fallimento notevole nella sua carriera.

In effetti, la sua candidatura alla carica di amministratore delegato dell’FMI in sostituzione di Dominique Strauss-Kahn è stata respinta nel 2011. Fischer ha superato il limite di età appena istituito dall’FMI (67 anziché 65). Il 30 giugno 2013, al suo apice, Fischer ha comunque rassegnato le dimissioni dalla carica di governatore della Banca di Israele a metà del secondo mandato.

DFischer con Ben Bernanke (FED)

E così sei mesi dopo, un caso unico nella storia, il presidente democratico Barack Obama lo nominò vicepresidente della Federal Reserve System (FED). Prima di lui, nessun grande banchiere centrale era stato nominato in due grandi banche centrali. Anche se è binazionale (israeliano-americano), avendo svolto un ruolo fondamentale per 8 anni nella politica israeliana, avrebbe potuto essere identificato, agli occhi dell’opinione pubblica, come una personalità israeliana.

Ma nominando Fischer a questo post, Obama stava seguendo le istruzioni ricevute. Lo stesso Obama volle dichiarare pomposamente in quell’occasione che Fischer aveva già portato decenni di leadership e competenza attraverso le sue varie missioni al Fondo monetario internazionale e alla Banca di Israele. È stato anche in questa occasione che la timida Janet Yellen è diventata la prima presidente femminile della Federal Reserve all’inizio del 2014.

Tuttavia, dopo tre anni di attività, Fischer si è dimesso per motivi personali a metà ottobre 2017, 8 mesi prima della fine del suo mandato di vicepresidente a giugno 2018.

In realtà, Fischer non ha nascosto la sua ostilità nei confronti di Donald Trump. E dichiarerà anche in seguito che il presidente Trump “non comprende il sistema del commercio internazionale”.

E così, dopo poco più di un anno dall’ aver lasciato la vicepresidenza della Federal Reserve, Stanley Fischer si è integrato alla compagnia BlackRock, il colosso finanziario nordamericano della gestione patrimoniale. L’ex banchiere centrale è stato consulente senior del BlackRock Research Institute per meno di un anno. “  La sua esperienza e competenza aiuteranno i nostri investitori e clienti a comprendere l’impatto degli sviluppi globali sui loro portafogli  ” , ha affermato Larry Finck (amministratore delegato) e Philipp Hildebrand (vicepresidente) nel comunicato stampa interno all’inizio dell’anno. 2019.

Quello che è significativo è che BlackRock non ha esitato a lasciarsi andare al lusso di reclutare uno dei più importanti banchieri centrali del mondo, portando e mettendo le sue reti e conoscenze al servizio dell’azienda. Inoltre, in considerazione dell’età di Fischer e del suo gusto per la responsabilità, non sembra che un uomo come lui integri Black Rock solo per soddisfare la sua avidità. Alla BlackRock, Fischer continuerà a giocare il suo ruolo in politica …

È indiscutibile che BlackRock abbia la capacità di influenzare la politica delle nazioni e le decisioni delle aziende (lo vediamo con Francia e Macron). E questo ha sicuramente pesato in bilico quando Fischer ha deciso di unirsi al gestore patrimoniale. Inoltre, come sappiamo, l’esempio di Fischer è lungi dall’essere un caso isolato e non è la prima volta che un banchiere centrale si unisce a un istituto finanziario privato. Ma è sintomatico vedere questa figura anziana procedere in questo modo in un momento in cui la legittima diffidenza tra politico e finanziario, e più in generale tra popolo e banca, continua a crescere.

Pertanto, il caso Fisher e tutti questi esempi di rivoluzione servono, ancora una volta, a dimostrare che, nonostante le parole, non vi è alcuna separazione tra responsabilità pubbliche e settore finanziario. I nostri politici o alti funzionari sono solo impiegati, in quei posti per eseguire le istruzioni che arrivano loro dalla cima della piramide capitalista.

È pur vero che l’elenco delle Porte Girevoli è lungo:

Dal 2015, Ben Bernanke, ex presidente della Federal Reserve durante la crisi dei subprime, è entrato a far parte di Pimco (controllata di fondi obbligazionari del 4 ° gestore patrimoniale al mondo: Allianz), come "esperto". Lo stesso anno, il gestore obbligazionario californiano offrì anche i servizi di Jean-Claude Trichet (BCE).
Inoltre, non dimentichiamo che Philipp Hildebrand, marito della vedova di Robert Louis-Dreyfus e attuale vicepresidente del colosso BlackRock "asset management" con 6.000 miliardi di dollari in gestione, era l' ex presidente della banca Swiss Central (2010). Quest'ultimo, tuttavia, ha dovuto lasciare il suo incarico nel 2012 nel contesto del sospetto di insider trading che coinvolge la sua ex moglie che aveva acquistato per 400.000 dollari in franchi svizzeri poche settimane prima che il marito introducesse la quotazione minima ...
L'ex governatore della Banca d'Inghilterra Mervyn King, anche lui "pizzicato" mentre si integrava a Citigroup. Durante la sua carriera regolatoria, King aveva realizzato il suo cinema, sfidando nel denunciare l'incompetenza e l'avidità dei banchieri.
Per non parlare dell'ex governatore della Banque de France, Christian Noyer, che sta iniziando la sua riqualificazione nel settore privato attraverso un "blockchain fintech": chiamato Selt (emanazione di Crédit Agricole, Citigroup e della società di revisione Deloitte).

Entrare nel settore privato non è ovviamente una prerogativa dei regolatori. Ricordiamo che l’ex presidente della Commissione europea José-Manuel Barroso aveva scatenato un’ondata di indignazione nel vecchio continente unendosi a Goldman Sachs nell’autunno del 2016. Aveva vicepresidente non esecutivo delle attività internazionali, inoltre, la sua missione è di aiutare l’Istituto nel contesto della Brexit.

Stanley Fischer e le grandi figure impiegate dall’oligarchia finanziaria che non si nascondono più nemmeno dall’opinione pubblica. Questo non sorprende quando sappiamo che le nostre élite ragionano secondo il noto adagio dello scrittore ugonese anglo-olandese Mandeville: “  i vizi privati ​​rendono pubblica la virtù  ”.

Ma se nei paesi anglosassoni queste pratiche sono quasi normalizzate quando i popoli dormono, in Francia, paese di tradizione statalista e latina, si stanno risvegliando parte delle classi lavoratrici. Domani, l’opulenza, il nepotismo e l’incompetenza dei nostri leader politici cosmopoliti che, secondo loro, dovrebbero contribuire alla futura costruzione di un mondo migliore potrebbero davvero scatenare ribellioni popolari contro di loro.

Inoltre, i discepoli di Mandeville e della doppia etica, che sostengono che la guerra, il furto, la prostituzione, l’alcool e le droghe, o persino l’avidità, da ciò che contribuiscono “  a beneficio della società civile  ”, si sbagliano a pensare che questo sistema sia eterno …

In effetti, è molto probabile che il dominio delle nostre élite viziose e illegittime sia destinato a finire presto.

Fonte: Geopolitique-Profonde.com

Traduzione: Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.