LE SANZIONI USA PERDONO POTERE: L’ECONOMIA RUSSA CONTINUA A ESPANDERSI, LE SANZIONI SONO IRRILEVANTI

0

Gli Stati Uniti stanno vivendo il problema delle loro sanzioni che non funzionano più mentre le nazioni sempre più disobbediscono alle prescrizioni dichiarate da coloro che sono al governo a Washington.. Nonostante le sanzioni, l’economia russa continua a crescere ad un ritmo costante ed espandersi.

L’inflazione in Russia è rimasta bassa mentre l’espansione dell’economia che si è verificata lo scorso anno secondo un rapporto della Banca Mondiale, è stata superiore alle previsioni. “Sebbene le sanzioni economiche si siano inasprite, la Russia ha registrato un’inflazione relativamente bassa e stabile e una maggiore produzione di petrolio. Come risultato della robusta attività domestica, l’economia russa si è espansa ad un ritmo dell’1,6 percento nell’anno appena concluso “, ha affermato il rapporto.

Gli Stati Uniti hanno a lungo usato le sanzioni per danneggiare le economie di altri paesi per una serie di motivi, tuttavia tali sanzioni sembrano fallire. Secondo un rapporto di RT, la Banca Mondiale ha sottolineato che la Russia e altri esportatori di petrolio “hanno mantenuto una crescita costante nel 2018, sostenuta da un aumento dei prezzi del petrolio”. In Russia, “la crescita è stata resiliente, sostenuta dai consumi privati ​​e dalle esportazioni, “La banca ha fatto le sue previsioni, proiettando un rallentamento a breve termine quest’anno all’1,5 percento. Nel 2020 e nel 2021, la banca prevede un aumento del tasso di crescita del PIL russo all’1,8%.

Nel maggio dello scorso anno, Bloomberg ha riferito che il “potere di sanzione” degli Stati Uniti stava raggiungendo i suoi limiti. Sembra che i paesi suscettibili alle sanzioni statunitensi stiano facendo cadere il dollaro come moneta di riserva e stiano lavorando attorno ai loro sistemi valutari, rendendo di fatto impotente l’emissione di sanzioni.

Jeffrey Sachs

La Russia non è l’unica nazione a rendere obsolete le sanzioni. La Cina ha creato le proprie istituzioni di prestito parallelamente alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale con sede a Washington e ha spinto lo yuan come valuta internazionale.
È probabile che il paese rafforzi la sua presenza in Iran, indipendentemente da quello che Trump dispone. Lo stesso avviene per l’India che sta incrementando l’import di petrolio dall’Iran e utiizza la propria moneta per le transazioni, nonostante le sanzioni imposte dagli USA su Teheran.

Le decisioni chiave, da rispettare o sfidare, saranno prese dagli unici attori sulla stessa scala economica degli Stati Uniti: Cina ed Europa. “Per ragioni di sicurezza nazionale fondamentali, la Cina troverà il modo di aggirare il settore bancario statunitense”, afferma Jeffrey Sachs, professore di economia alla Columbia University.

Fonte: Shtfplan.com

Traduzione: Sergei Leonov

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.