La legge dell’Impero sta arrivando alla fine del suo ciclo storico

0

di  Rob Slane (*)

Da Skripal alla Siria, le “nuove realtà” dell’Impero stanno raggiungendo la fine del loro ciclo storico.
“Ora siamo un impero e, quando operiamo creiamo la nostra realtà. E mentre voi starete ancora studiando quella realtà-giudiziosi, come siete soliti essere, noi agiremo ancora, creando altre realtà, che potrete ancora studiare, ed è così che vanno le cose. Noi siamo i protagonisti della Storia (…) e voi, tutti voi, non potrete fare altro che studiare ciò che noi facciamo”.
Così parlò Karl Rove, vice capo di stato maggiore del governo di George W. Bush.

Sarebbe bene che gli analisti di questioni geopolitiche studiassero le parole di Rove con più attenzione. Sono da studiare giudiziosamente. Se lo facessero, allora ogni volta che si verificherà un presunta atrocità e gli Stati Uniti, insieme alla loro coalizione di supini vassalli, inizieranno a urlare e ad strepitare 10 minuti più tardi per l’azione da intraprendere, sulla base di una provetta piena di detersivo, o immagini di donne e bambini feriti in una zona di guerra, e tutti i media di rispettosi pennivendoli grideranno che “qualcosa deve essere fatto” e che “l’Occidente deve intervenire”, allora forse potremmo fermarci e chiederci se stiamo suonando la musica giusta .
Invece di cadere in uno spasmo emotivo, forse dovremmo invece respingere gli assordanti colpi dei tamburi di guerra – delle guerre che hanno l’abitudine di uccidere incommensurabilmente più donne e bambini dei presunti incidenti su cui si basano, di proposito – e chiederci se ” La legge di Rove “è entrata in gioco.

Senior adviser Karl Rove

Per inciso, le guerre interventiste dell’Occidente mi ricordano quello scambio meravigliosamente cinico nel film, L’uomo con due cervelli :
Dr. Hfuhruhurr : “L’unica volta che noi medici dovremmo accettare la morte è quando è causata dalla nostra stessa incompetenza!”
Dr. Necessiter : “Sciocchezze! Se l’omicidio di dodici persone innocenti può aiutare a salvare una vita umana, ne sarà valsa la pena! ”
Ecco il dottor Necessiter che ci ha venduto la guerra in Iraq come necessità: “Sciocchezze! Se ci costa la morte di 500.000 persone a rovesciare il malvagio dittatore Saddam Hussein, ne sarà valsa la pena! “, ci avevano detto.
Successivamente ci stavano vendendo la necessità di bombardare la Libia: “Sciocchezze! Se trasformare la Libia in uno stato fallito, il terreno di gioco per bande di terroristi e causare un esodo di massa di rifugiati è questo il prezzo per sbarazzarsi di Gheddafi, ne sarà valsa la pena “.

Ed ecco di nuovo il dottor Necessiter, questa volta cercando di venderci la necessità di bombardare la Siria: “Sciocchezze! Rischiare uno scontro catastrofico con un paese armato di migliaia di armi nucleari (la Russia) vale la pena di rispondere alle presunte morti di meno di un centinaio di persone in un attacco di armi chimiche totalmente presunto e non dimostrato “.
Ecco, questa la “logica” degli interventisti!

Ma torniamo a Rove. Cosa stava dicendo? Tre cose:

Numero uno: Noi siamo- questo è il “Globalist Deep State il cuore dell’Impero, centrato a Washington DC – siamo sovrani su tutto il globo e faremo ciò che ci piace.

Numero due: che non seguiamo la realtà, gli avvenimenti li creiamo noi .

Numero tre: Che siamo pronti a fare cose che faranno cadere le mascelle, rizzarsi i capelli e gli sbarrare occhi mentre ancora ti chiedi cosa stia succedendo, e mentre le mascelle, i capelli e gli occhi sono impegnati a fare la loro cosa , noi ci siamo già trasferiti a creare la nostra prossima realtà.

In altre parole – siamo” Dio” – e non un Dio gentile e misericordioso, ma un Dio che domina su tutti i popoli, le nazioni e le lingue, che dice bugie, e poi dice altre menzogne per coprire quelle prime bugie e che- quando i poveri sciocchi staranno cercando di capire cosa realmente stiamo facendo  – prima di sapere cosa è successo, quelle bugie e quelle menzogne ​​per nascondere le bugie saranno diventate la nuova realtà. Ci saremo trasferiti e il mondo con esso, e il racconto che abbiamo creato sarà stato scritto nei libri di storia, che noi stessi scriveremo.

I casi di Sergei Skripal e il presunto attacco chimico nella Ghouta orientale sembrano in qualche modo rappresentare lo zenit di questa ideologia.
Non so chi abbia avvelenato Sergei Skripal o per quale motivo. Potrebbe essere che dietro ci fosse il governo russo, anche se ciò significherebbe accettare la tesi altamente improbabile che hanno deciso di colpire una spia dell’MI6, che hanno rilasciato dalla prigione otto anni fa, usando forse il più stupido metodo di omicidio nella storia del mondo – un agente nervoso inefficace, a funzionamento lento, “di livello militare”, che potrebbe essere ricondotto a loro, e che hanno imbrattato sulla maniglia di una porta nella piovosa Salisbury -, circa una settimana prima delle elezioni presidenziali, e meno di 100 giorni prima di ospitare la Coppa del Mondo.

In altre parole, la narrativa ufficiale non si basa sull’accettazione che lo stato russo è l’epitome del puro male; si basa sull’accettazione che è l’epitome della follia e dell’incompetenza imbelle.
Non so cosa sia successo a Ghouta orientale. Potrebbe essere che il governo siriano si trovasse dietro ciò che sarebbe accaduto (se fosse effettivamente accaduto), ma ciò significherebbe dover accettare la tesi che a sole 24 ore dal liberare completamente l’ultima sacca di resistenza a Damasco, dopo che gli Stati Uniti, Regno Unito e Francia avevano tutti avvertito che avrebbero attaccato se fossero state usate armi chimiche, solo una settimana circa dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald J. Swamp, aveva annunciato che gli Stati Uniti avrebbero ritirato la Siria (che occupavano illegalmente, tra l’altro), hanno preso la decisione di usare un’arma che non dava loro alcun vantaggio militare, ma che era praticamente garantito come pretesto per i raid aerei contro di loro. In altre parole, come il caso Skripal, la teoria non sta nell’accettare che lo stato siriano è l’epitome del puro male; sta nell’accettare che è l’epitome della stupidità autolesionista su scala epica.

NED agencia USA

Ma vedi cosa ho fatto? Sono caduto nella trappola di Karl Rove, vero? Sto facendo domande sul fatto che le narrative in questi casi si accumulino. Nel caso Skripal, ho studiato con giudizio la realtà ponendo molte domande che dovrebbero essere state rivolte a chiunque fosse interessato a raggiungere la verità ( qui e qui , per esempio). Potrei fare lo stesso con il caso siriano, se avessi il tempo.

Eppure, mentre lo sto facendo, la trama continua. Sto cadendo esattamente nella trappola che Karl e i suoi discepoli hanno posato. Vogliono due tipi di persone: quelli che accettano ciecamente che sono stati i russi a farlo, o che è stato Assad a farlo; e quelli che passano il loro tempo a fare domande sulle spiegazioni ufficiali. Il primo gruppo chiama il secondo gruppo di teorici della cospirazione e nutters. Il secondo gruppo chiama il primo gruppo stupido. E il Globalist Deep State se la ride, ride e ride mentre i due gruppi si sfidano per dare un senso a ciò che è successo, lasciandolo libero di procedere per creare la prossima realtà. In verità, vi dico che questi bolscevichi hanno imparato bene la loro dialettica hegeliana.

Ora, questo non è per escludere che nei casi di Ghedda di Salisbury e Eastern i racconti ufficiali potrebbero – solo potrebbero – essere quelli corretti. Sia Vladimir Putin che Bashar Assad potrebbero essere i Laurel e Hardy della geopolitica. Tuttavia, bisogna dire che qualunque cosa tu pensi di loro, nessuno di loro tende a farsi notare nelle interviste come quelli che potresti definire stupidi o inetti. Né l’uno né l’altro danno l’impressione di avere improvvisi impulsi di follia per fare cose che non hanno assolutamente alcun beneficio per loro, ma che danno ai loro nemici enormi vantaggi di vittorie pubbliche.

Ma questo è oltre il punto. Il punto non è se questi incidenti particolari sono ciò che la narrativa ufficiale dice di essere, o se sono provocazioni. È sufficiente che i “nuovi creatori di realtà” creino le loro realtà in qualche occasione, o forse per distorcere eventi che non hanno creato, e prima che tu lo sappia hai i tuoi due gruppi che litigano su eventi che possono essere veri o finti: i cospirazionisti – che stanno studiando ogni evento per cercare di elaborare i dettagli e le incoerenze – e lo scontro – che credono che il loro governo sia pieno di buon cuore, chaps bianchi e ragazze che non farebbero mai e poi mai qualcosa di male – a differenza di quegli orchi oltre a Mordor.

Tuttavia non diventiamo tristi, la buona motizia è quella che, per qunto pensino di potersene uscire indefinitivamente vincenti, non possono farlo. Nessun Impero costruito su una montagna di menzogne può rimanere forte a tempo indefinito. Tutti gli imperi prima o poi crollano. E puoi iniziare ad avvertire i segnali di quelle che saranno le “nuove realtà” dell’Impero o di quelle che si conoscono come menzogne che stanno arrivando al punto di ebollizione? Non puoi non avvertire che hanno appena finito di avere eccessiva fiducia e nel farlo hanno iniziato a trascurare alcuni particolari?

Stanno commettendo alcuni errori e come lo fanno devono ricorrere a menzogne più grandi per coprire quello che hanno detto.
Il mondo della realtà non funziona come loro pensano e la realtà, quella vera e non quella fittizia,prima o poi inizia ad incombere.
Abbiamo la sesazione che questo momento sta arrivando, incluso molto presto. E quando questo finalmente arriva il putrescnte edificio di queste menzogne che hanno cercato di edificare crollerà buuscamente e chi lo ha creato ci rimarrà sotto. Sarà un vantaggio per tutti.

*Rob Slane è un autore e saggista bitannico. Slane è autore di alcune opere fra cui : “The God Reality: A Critique of Richard Dawkins’ The God Delusion, e A Christian & an Unbeliever Discuss: Life, The Universe & Everything”. Inoltre come pubblicista ha scritto molti articoli per “The Conservative Woman” , “the Canadian magazine”, oltre a “Reformed Perspective”.

Fonte: TheBlogMire

Traduzione:  Luciano Lago

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.