Incendi e assalti in Svezia da parte di bande formate da migranti criminali

0

di  Tyler Durden

La Svezia sta bruciando: le bande di migranti scatenano una furia coordinata con bombe di fuoco su più città
Molti svedesi furono sconvolti all’inizio del 2017 quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump collegò l’immigrazione alla crescente criminalità in Svezia, ma un numero crescente di cittadini si trova ora d’accordo con lui.

Tra alti tassi di criminalità , violenze delle gang, lamentele sull’istruzione e madri in stato di gravidanza che sono state allontanate dai reparti di maternità a causa della mancanza di capacità ricettiva, il risentimento in Svezia si è diffuso anche per causa dell’afflusso di oltre 600.000 immigrati negli ultimi cinque anni.


Ci sono state notizie di giovani che hanno incendiato automobili a Hjällbo, nel nord di Göteborg e ulteriori segnalazioni di incendi a Trollhättan, anche se la notte scorsa la polizia non era sicura se i vari attacchi fossero collegati.

Zone di Guerriglia
Le auto date a fuoco sono state riportate anche a Malmo, all’estremità meridionale del paese, e a Helsingborg, più a sud rispetto a Göteborg.
La polizia riferisce che la situazione è adesso sotto controllo e rimangono nelle zone colpite per mantenere l’ordine.

Frölunda: un gruppo di circa 6-8 elementi, giovani migranti mascherati hanno acceso fuochi e lanciato pietre. 31 auto sono bruciate e oltre a queste 35 auto sono rimaste danneggiate. Nessuno è stato arrestato

Nel Nordest : un gruppo di circa 8-10 giovani ha lanciato pietre e fuochi. 15 macchine sono state bruciate. Nessuno è stato arrestato

Trollhättan: un gruppo più numeroso di circa 30-40 giovani ha lanciato pietre e fuocbottiglie incendiarie. Sei macchine sono bruciate e altre poche macchine devono essere state danneggiate. Qui le strade sono state bloccate dai giovani e questi hanno persino lanciato pietre contro la polizia e i loro veicoli. Al momento, l’identificazione dei giovani è in corso.

Quando la maggior parte degli incendi è iniziata, in un breve periodo di tempo, non si può escludere che vi sia una connessione tra gli incendi, il caso verrà esaminato. Gli agenti della polizia rimarranno nelle aree colpite finché sarà ritenuto necessario.
Non sorprende quindi, come abbiamo notato in precedenza, a giudicare dagli ultimi sondaggi, che l’ascesa di gruppi populisti estremi in Svezia si sta accelerando rapidamente .

Come riporta Reuters, decine di persone sono state uccise negli ultimi due anni in attacchi nella capitale Stoccolma e in altre grandi città da bande che provengono per lo più da sobborghi degradati dominati dagli immigrati. In forte aumento il numero delle violenze contro le donne e gli stupri.

Svezia, la polizia interviene contro i migranti

Con le chiamate pubbliche in crescita per le politiche più severe sulla criminalità e l’immigrazione, è sorto il sostegno per la formazione politica, che ironicamente ha preso il nome, di “democratici svedesi”, un partito con radici neo-naziste che vuole congelare l’immigrazione e tenere un referendum sull’adesione della Svezia all’Unione europea.

I loro preoccupati rivali tradizionali hanno iniziato a muoversi verso destra sul crimine e l’immigrazione per cercare di contrastare la minaccia dei democratici svedesi nelle elezioni del 9 settembre. Ma finora, il gioco si trova nelle mani dell’estrema destra.

“In questo momento loro (i principali partiti) competono su chi può definire le politiche più restrittive”, ha detto il vice primo ministro Isabella Lovin, il cui partito verde fa parte di un governo di minoranza guidato dal Partito socialdemocratico.

I sondaggi di opinione mettono i democratici svedesi su un sostegno del 20% circa, rispetto al 13% dei voti ottenuti nelle elezioni del 2014 e al 5,7% che li ha visti entrare in parlamento per la prima volta nel 2010.

L’ascesa dei democratici svedesi, sostenuti dal sentimento anti-immigrazione, rispecchia le conquiste per i partiti di destra, populisti e anti-establishment in altri paesi europei come Italia, Francia, Germania, Polonia, Ungheria, Slovenia e Austria.

I democratici svedesi sono ancora dietro al Partito socialdemocratico, ma questo è stato superato dai principali moderati dell’opposizione in molti sondaggi . Tutti i partiti tradizionali hanno escluso di lavorare con loro.

Tuttavia questi potrebbero emergere dalle elezioni come governanti del re , e una forte proiezione elettorale potrebbe costringere il prossimo governo a prendere in considerazione le loro opinioni nel plasmare la politica.

Le loro politiche includono un blocco totale dei richiedenti asilo e l’accettazione dei rifugiati solo dai paesi vicini alla svezia in futuro . Vogliono anche sanzioni più severe per il crimine e maggiori poteri per la polizia, e dire che tagli fiscali e maggiori spese per il welfare potrebbero essere finanziati tagliando il bilancio dell’immigrazione.

Svezia, incendi appiccati dai migranti

Jimmie Akesson, il leader del partito democratico svedese, ha descritto la situazione come “piuttosto fantastica”.
“Stiamo dominando il dibattito anche se nessuno parlerà con noi”, ha detto ai membri del partito.
I democratici svedesi sono riusciti a collegare il loro messaggio alla mente di molti elettori, anche se le statistiche ufficiali non mostrano alcuna correlazione tra i livelli complessivi di criminalità e immigrazione. Tuttavia, mentre il governo nega di aver perso il controllo, il primo ministro Stefan Lofven non ha escluso l’invio dell’esercito nelle aree problematiche.

“La Svezia sta seguendo un percorso più di destra”, ha detto Nick Aylott, un politologo dell’Università Sodertorn. “È quasi impossibile evitare una sorta di influenza da parte di un partito con circa il 20 per cento dei voti.”

Trump aveva ragione, dopotutto. La Svezia voleva presentarsi come un esempio di integrazione in Europa.  Attualmente il paese scandinavo si presenta come una zona di guerra etnica fra bande.

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Sergei Leonov

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.