ARABIA SAUDITA: IL PIÙ IMPORTANTE FINANZIATORE DEL TERRORISMO

0

Negli anni passati, l’asse della resistenza (Siria-Hezbollah-Iran) ha inflitto nella regione pesanti sconfitte al progetto imperialista patrocinato da Washington e a Tel Aviv.. Queste forze dominanti si sono accorte che la migliore opzione è la narrativa settaria [sunnita-sciita], facendo affidamento sui governanti dell’Arabia Saudita e dei suoi ideologi fanatici.

Innegabilmente, l’Arabia Saudita è il finanziatore più importante del terrorismo nel mondo, come ammesso da vari funzionari americani ed europei.

Occasionalmente, l’Iran ha sottolineato che fa grandi progressi nel settore della difesa e che il suo arsenale non rappresenta una minaccia per gli altri Stati.  A differenza dell’Arabia Saudita, l’Iran ha una dottrina militare, basata sulla deterrenza e la difesa, che mira a fornire sicurezza all’Iran e ai suoi alleati. Per questo motivo, è stato sanzionato di recente in aggiunta alle sanzioni già imposte dal 1979.

Il terrorismo saudita ha colpito dozzine di innocenti in Iraq, Afghanistan, Iran, Yemen, Egitto, Londra, Madrid, New York, ecc. Il suo terrorismo è una vendetta settaria che mobilita decine di migliaia di giovani per svolgere operazioni terroristiche e diffondere il caos, in diverse parti del mondo.

Questa pianificazione sistematica tra Riyadh e Tel Aviv mira a incitare all’odio finanziando gruppi terroristici come al-Qaeda, Boko Haram, MKO, ecc. con denaro, armi e attrezzature. Le affermazioni riformiste di Mohammed bin Salman sulla democrazia e l’apertura non sono altro che un astuto stratagemma per accedere agevolmente al potere. Questa politica fascista ha indebolito tutti gli sforzi di pace nella regione, ha aperto nuove strade al terrorismo e ha destabilizzato la sicurezza regionale e globale.

Il ventunesimo secolo fu iniziato da un attacco terroristico, nel settembre 2001, nel quale 15 sauditi su 19 presero parte al dirottamento di aerei ed uccisero dozzine di innocenti. Tuttavia, gli interessi occidentali hanno impedito a questo regime terrorista di essere ritenuto responsabile.

Pompeo con i suoi amici sauditi

Sempre nel 2011 e per il 7 ° anno consecutivo, i sauditi hanno interferito nel distruggere la Siria ed espellere i suoi cittadini. La guerra in Siria è stata una rappresaglia per le posizioni del suo presidente nazionale, Bashar al-Assad. L’Arabia Saudita ha rifornito i terroristi di armi avanzate, equipaggiamento e milioni di dollari.

In Yemen, nonostante le affermazioni riformiste di Mohammed bin Salman, l’aggressione ha causato decine di migliaia di vite. Sin dal suo esordio nel marzo 2015, decine di milioni di yemeniti sono stati sfollati a causa di bombardamenti indiscriminati: la maggior parte di loro sono bambini, donne e pazienti [ospedalieri].

Il silenzio internazionale, in particolare americano, sul terrorismo saudita è derisorio e difettoso.Di recente Trump ha detto francamante che gli Stati Uniti difendono i sauditi e quindi (i sauditi) sono obbligati a pagarne il prezzo.

Il principe Bin Salman

Di fatto, il flagello del terrorismo globale richiede un’azione attiva e piani deliberati per arginare questo mostro pericoloso, come quello perseguito dall’asse della resistenza in Siria, Libano e Iraq. È necessario punire immediatamente Riyadh e fermare globalmente il suo armamento; soprattutto dopo aver ucciso il giornalista Jamal Khashoggi e la sua guerra barbarica contro l’indifeso popolo yemenita.


Articolo originale di Sondoss Al Asaad:

Financier-terrorism Traduzione italiana di Costantino Ceoldo – Pravda freelance

Powered by WPeMatico

Condividi

Comments are closed.